• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Codice Tributo 3961 - Tasi

 

Codice Tributo 3961, cos'è e a cosa si riferisce

codice-tributo-3961

Il Codice Tributo 3691, anche detto TASI, corrisponde al tributo dovuto sulle seconde case. Esso infatti rappresenta la causale di versamento che i contribuenti inseriscono nel modello F24 per versare la tassa sui costi servizi indivisibili del Comune. Con tale tributo si finanziano importanti fattori di spesa pubblica, come l’illuminazione o la manutenzione delle strade o ancora la sicurezza.

Come già anticipato va inserito come causale nel modulo F24 per indicare tutti quegli immobili che rientrano nella categoria “altri fabbricati” come la seconda casa o altri immobili come per esempio un ufficio, un negozio, un capannone. Generalmente la scadenza per il versamento dell'acconto è a metà giugno, mentre il saldo si paga a metà dicembre.

 

 

Chi paga la Tasi

codice-tributo-3961-tasi

La Tasi,  stando ora alle novità introdotte dalla Legge di Stabilità dovrà essere pagata da:

  • Proprietari di una prima casa di lusso;

  • Proprietari delle seconde case e di altri immobili;

  • Immobili rurali;

  • Fabbricati di un’impresa costruttrice destinati alla vendita;

  • Immobili in affitto. Qui il discorso è un po’ complesso in quanto la TASI sarà pagata al 10% dal detentore e al 90% da chi possiede l'immobile.

 

Il calcolo e il pagamento della Tasi

codice-tributo-3961-seconde-case-quando-chi-come-si-paga

La Tasi si calcola similarmente al tributo IMU e cioè prima analizzando la rendita catastale del 5% e poi moltiplicandola per il coefficiente secondo la categoria dell'immobile.

Detto ciò, il versamento della Tasi deve avvenire o nelle due rate una a scadenza del 18 giugno e l’altra del 17 dicembre, oppure con un’unica soluzione. Il pagamento deve essere effettuato attraverso un modello f24 Agenzia delle Entrate in cui indicare il codice tributo, in questo caso 3961, o anche attraverso il bollettino Tasi.

 

 

Come compilare il Codice Tributo 3961 sul modello F24, la guida

codice-tributo-3961-modello-f24-come-si-compila

Il modello F24 è quello utilizzato per il pagamento della Tasi, infatti ogni contribuente deve compilarlo prestando attenzione ad indicare i codici tributo esatti, nonché i dati richiesti secondo le istruzioni impartite dall'Agenzia delle Entrate.

Il versamento della Tasi avviene attraverso un modello F24 semplificato o normale. Attraverso esso, i contribuenti erogano l'imposta dovuta sui servizi indivisibili del Comune da pagare entro le scadenze indicate. Gli utenti per fare ciò, possono tranquillamente provvedere al download gratuito del modulo F24 Tasi o in formato pdf o semplificato direttamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Compilare il codice tributo 3961 nel modello F24 non è difficile. In primis bisogna inserire la cifra del tributo nella sezione del modulo che rientra sotto il nome di Tasi ed altri tributi locali. Le undici colonne vuote che si trovano nella sezione vanno riempite con i dati che ha il contribuente a partire da sinistra andando verso destra della scheda.

La prima casella vuota da compilare è quella inerente al codice ente o codice comune, che va riempita per rendere nota l’ubicazione degli immobili in quello specifico territorio comunale (ossia quello d’appartenenza). Nel  caso il contribuente non abbia tale dato, basta consultare la Tabella dei Codici Catastali dei Comuni. Dopo questa prima procedura, si prosegue per le colonne successive.

Le tre successivi sono le più piccole da riempire, in quanto vanno semplicemente barrate. Esse infatti sono da barrare solo ed esclusivamente in caso di ravvedimento, in caso di immobili variati, e in caso di un pagamento riferito all’acconto.

Passando poi alla casella saldo, essa dovrà essere barrata solo nel caso in cui il pagamento faccia riferimento al saldo. Qualora invece il versamento riguardi un’unica soluzione si dovrà per causa di forza maggiore barrare entrambe le caselle menzionate.

Dopo queste prime fasi, si passa poi alla compilazione delle cifre inerenti al numero complessivo di immobili, in un massimo numero di 3,  per il codice tributo in esame, quale il 3961.

La casella della rateazione mensile dovrà rimanere in bianco, viceversa è d’obbligo riempire quella dell’anno di riferimento dell’ imposta, ossia quello per cui ha valenza il pagamento effettuato, l’importo a debito che viene versato. Mentre la parte che riguarda il credito compensato dovrà essere lasciata completamente in bianco.

Il consiglio è sempre quello che i contribuenti restino aggiornati per eventuali cambiamenti. Comunque sia durante la fase di compilazione del modulo F24 Tasi, il codice tributo va inserito nella “SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI” che corrisponde alle somme indicate nella colonna importi a debito versati, cioè nella somma da pagare.

Nel caso di acconto impostato lo spazio Saldo deve essere barrato solo qualora il pagamento faccia riferimento al saldo. Se il pagamento Tasi dovesse avvenire in un'unica soluzione, bisogna invece barrare tanto la casella acconto quanto la casella saldo. Il tutto rispettando le date di scadenza previamente indicate dalla legge

Infine sul modello F24 Tasi, il contribuente dovrà poi mettere nello spazio chiamato “Numero immobili”, il numero degli immobili per cui dovrà avvenire il versamento. Mentre poi nello spazio detto “Anno di riferimento”, si dovrà indicare l'anno di imposta a cui f a riferimento il pagamento. 

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest