• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come avviare un'impresa di edilizia acrobatica

 

Nonostante il periodo forse non sia dei migliori a causa della grave crisi economica che negli ultimi anni ha messo in ginocchio l’intero Paese, avviare un’impresa edile potrebbe essere per molti una grande opportunità, grazie alle innumerevoli agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie che garantiscono una continuità lavorativa a chi vuole investire nel settore. Diverse e variegate sono le attività che richiedono l’assunzione di un’impresa edilizia che sia la semplice ristrutturazione edilizia, alla costruzione di ferrovie, ponti o strade.

 

Una volta capito in quale specifico ambito si preferisce lavorare in base alle competenze ma soprattutto in base al settore di riferimento, se pubblico o privato sarà possibile iniziare a muovere i primi passi per avviare un’impresa edilizia acrobatica. Sicuramente però per riuscire a raggiungere tutti gli obiettivi prefissati è fondamentale essere motivati a realizzare il proprio sogno di un’impresa edilizia di successo.

 

 

Prima di iniziare la lettura di questa interessante guida su come aprire un'azienda di edilizia acrobatica vorrei aprirti gli occhi su altre attività imprenditoriali. Questa che ti linko è una sezione dedicata proprio a come avviare decine e decine di altre attività lavorative: vedi qui!

 

Tutti i requisiti per avviare un’impresa edilizia

come-avviare-impresa-edilizia-acrobatica

In Italia è piuttosto lungo e tortuoso il cammino burocratico da intraprendere prima di avviare una nuova attività e sicuramente l’impresa edile non rappresenta di certo un’eccezione, anzi trattandosi proprio di questo settore è maggiore l’attenzione che si dovrà prestare per la documentazione occorrente.

In teoria tutti potrebbero aprire un’impresa edilizia anche in franchising, ma essendo un settore particolare è consigliabile che chi si lancia in un progetto così importante abbia maturato esperienza nel settore, magari come ex lavoratore dipendente, che decide di svoltare mettendosi in proprio.

Prima di aprire un’impresa edilizia è fondamentale trovare un locale adeguato per l’apertura dell’attività edilizia, che abbia lo spazio sia per gli uffici che per la rimessa degli attrezzi da lavoro.  Per risultare idoneo un locale dovrà possedere diversi requisiti in termini di sicurezza e igiene, qualora non ci fossero i requisiti di idoneità sarà impossibile aprire la propria impresa edilizia.Se il locale non supera i controlli e non viene dichiarato a norma è possibile eseguire tutti i lavori affinchè il locale ottenga tutti i requisiti.

Uno dei primi adempimenti è la richiesta di una Partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate, e conseguentemente un ulteriore passaggio obbligatorio è l’iscrizione al registro delle Imprese che si dovrà effettuare presso la Camera di Commercio, con iscrizione all’INPS e all’INAIL.

Per ottemperare a tutte le procedure e le pratiche burocratiche si dovranno sostenere varie spese, come quelle notarili per la costruzione della società, ma anche costi previdenziali ed assistenziali, e costi di contabilità e bilancio.

È necessario ottenere il certificato dalla ASL di competenza che accerti il rispetto delle norme igienico sanitarie, e in aggiunta la dichiarazione di inizio attività effettuata presso il comune, oltre al permesso per l’esposizione dell’insegna e la stipula di polizze assicurative sia per i mezzi professionali utilizzati sia per il personale.

Per riuscire ad avere un maggiore controllo per l’avvio dell’attività di edilizia acrobatica e non potrebbe essere indispensabile preparare un business plan il più dettagliato possibile, che comprenda sia le spese che gli investimenti e soprattutto gli obiettivi da dover raggiungere.

 

 

Edilizia e servizi per la casa a confronto

come-aprire-impresa-edilizia-acrobatica

Sia l’edilizia che i servizi per la casa tendono ad avere un comune denominatore ovvero sono tutti interventi che vengono effettuati genericamente sia per la casa che per gli edifici in generale. Tra i servizi per la casa rientrano una serie di interventi che migliorano le condizioni della propria abitazione, dalla costruzione alla ristrutturazione tramite edilizia acrobatica o la progettazione per il risparmio energetico, ma anche interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Interventi che spaziano tra loro tanto da garantire un ampio spettro di lavoro a chi vuole aprire un’impresa edilizia, ma nonostante le prospettive lavorative siano vantaggiose sono in molti a non voler investire in un progetto imprenditoriale partendo da zero quanto piuttosto lanciarsi in un franchising del settore.

In questo settore il franchising rappresenta una sorta di equilibrio tra la volontà di lavorare in modo indipendente evitando però il rischio legato ad un progetto imprenditoriale partendo da zero.

 

Aprire un’impresa edilizia acrobatica

L'edilizia acrobatica è un settore specifico per interventi che richiedono dei professionisti che lavorino su corda piuttosto che sui comuni ponteggi fissi, per effettuare interventi di edilizia e ristrutturazione di edifici. Il sistema impiegato dai professionisti è piuttosto innovativo e permette di ridurre i rischi legati alla presenza di un ponteggio, riducendo inoltre l’impatto visivo degli interventi effettuati sugli edifici. Inoltre in molti casi, è indispensabile il servizio di questi "equilibristi" quando ad esempio i ponteggi non sono praticabili o per risparmiare tempo e denaro ad esempio nel fissaggio di dissuasori piccioni metallici sui cornicioni di un edificio o anche per una pulizia profonda delle facciate di palazzi molto alti.

 

 

Normativa sui lavori ad alta quota

come-avviare-impresa-lavori-alta-quota

Le imprese che decidono di specializzarsi nel settore dell'edilizia acrobatica devono attenersi a restrittive normative che regolano le attività dei dipendenti.

Secondo quanto definito per legge i lavori ad alta quota sono delle specifiche mansioni che espongono il lavoratore a rischio di caduta, per un’altezza minima di due metri che vengono calcolate da qualsiasi piano considerato stabile, comprese le attività di scavo che prevedono invece lavori in profondità. Tali lavori sono particolarmente rischiosi, tanto che possono causare gravi infortuni, addirittura mortali. Pertanto esiste una normativa sui lavori in quota alla quale attenersi per garantire una totale sicurezza del lavoratore.

Data la pericolosità del lavoro esistono delle regole molto ferree soprattutto riguardo la formazione professionale del lavoratore che dovrà essere assunto dall’impresa edilizia acrobatica, e che secondo disposizioni di legge è previsto un obbligo specifico nei confronti del datore di lavoro nel fornire adeguata formazione al dipendente circa i lavori ad alta quota. La somministrazione della formazione spetta al datore di lavoro, se adeguatamente qualificato, o ad enti e professionisti qualificati.

Un corso di formazione per il lavoratore ad alta quota dura circa 8 ore, e oltre ad affrontare il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale a livello teorico e pratico è uno strumento utile anche alle aziende che prevedono questo tipo di attività e che possono formare i propri dipendenti.

Per garantire una maggiore protezione del dipendente la legge disciplina ed elenca tutte le principali protezioni che ogni datore di lavoro deve necessariamente fornire al dipendente. Dalle protezioni come il ponteggio metallico, alle reti di sicurezza, a dispositivi anticaduta, di ancoraggio, imbracatura per il corpo, o protezioni fisse come i parapetti e sistemi fissi di ancoraggio. Dovrà essere lo stesso datore di lavoro a fornire e indicare il sistema di sicurezza più idoneo per garantire una maggiore incolumità del dipendente.

Un elemento da tenere in considerazione per i lavori ad alta quota è l’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale di terza categoria, obbligatori durante la formazione, da utilizzare nei casi in cui non sono state adottate misure di protezione collettiva. Misure come gli assorbitori di energia, connettori, dispositivi di ancoraggio linee vita flessibili o rigide, o anche imbracature.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest