• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come aprire uno studio di dottore commercialista

 

aprire-attivita-commercialista

Per avviare lo studio dottore commercialista bisogna coprire i costi iniziali e cercare di impegnarsi per trovare clienti. Servono almeno tra i 30 ed i 70 mila euro circa per aprire uno studio da commercialista che possa essere funzionale e soprattutto, rispondere alle esigenze dei grandi clienti. Per sostenere questi costi iniziali si può fare affidamento a diversi istituti bancari che potranno erogare dei finanziamenti ai professionisti, anche vantaggiosi. Diversamente, bisognerà fare un investimento di tipo personale. Potrebbe tornare utile aggregarsi dividendo le spese con un collega. Del resto, aprire uno studio di dottore commercialista è un investimento ottimo che vale la pena prendere in considerazione.

Se invece vuoi leggere consigli su come aprire altre tipologie di attività ti consigliamo di cliccare il link.

 

 

Chi è il commercialista, i requisiti

aprire-studio-commercialista

Il commercialista è un professionista che riesce a fornire una serie di servizi per le imprese. Chi è esperto di questo settore deve saper gestire patrimoni nell'ambito giuridico, tributario e fiscale. Deve essere anche in grado di amministrare, liquidare le aziende, offrire consulenze commerciali e giuridiche, gestire beni e patrimoni, verificare i conti bilanci e ogni documento contabile relativo alle attività dell'azienda.

I commercialisti possono essere anche nominati revisori di bilanci in società o in enti pubblici. Prima di aprire uno studio di commercialista è opportuno verificare di essere in possesso i requisiti richiesti dalla normativa vigente nell'esercizio della professione. In base al Decreto Legislativo del 2005 il commercialista deve essere obbligatoriamente iscritto presso l'albo dei dottori commercialisti. Per diventare commercialista è necessario conseguire la laurea di secondo livello in economia e commercio, scienze dell'economia oppure in scienze economico-aziendali. Dopo la laurea bisogna conseguire un tirocinio di tre anni presso uno studio commercialista con professionisti e titolari iscritti all'albo. Nella frase seguente, sarà opportuno richiedere l'abilitazione superando l'esame di Stato. Non è possibile svolgere il lavoro di dottore commercialista contemporaneamente a quello di giornalista professionista, notaio, titolare di attività di impresa, trasporti, altri tipi di aziende o concessionario di riscossione tributi.

 

Come aprire uno studio di commercialista, i primi passi

Per avviare uno studio di dottore commercialista bisogna informarsi presso i comuni, le province e le regioni che forniranno tutte le informazioni in merito alla normativa relativa alla zona di appartenenza.

Occorre svolgere una serie di attività preliminari come:

- aprire una partita IVA presso l'Agenzia delle Entrate;

- iscriversi presso Inps ed Inail in modo tale da garantire l'assicurazione in caso di infortunio sul lavoro e il versamento dei contributi previdenziali;

- trovare una sede per lo studio che non abbia costi eccessivamente alti, ma riesca a fungere da location comoda per l'attività che state realizzando.

 

Potrebbe essere necessario assumere fin dal primo momento un segretario che possa gestire insieme a voi appuntamenti e scadenze, o magari assumere per il tirocinio aspiranti commercialisti che vogliono conseguire i titoli necessari.

 

 

I primi costi da sostenere per avviare uno studio di commercialisti

avviare-studio-commercialista

Oltre i costi per la gestione di partita IVA e contributi previdenziali, oltre anche alla sede che avrà dei costi fissi mensili più quelli legati all'allestimento, sarà anche opportuno considerare l'acquisto di determinati tipi di software. Infatti, bisogna comprare degli strumenti di natura informatica che daranno accesso ai database normativi.

I software gestionali vi daranno tutte le informazioni di cui avete bisogno e garantiranno anche informazioni in merito alle novità di tipo fiscale o aggiornamenti vari. I software garantiranno al commercialista di accedere online a scadenze, bilanci, fatture, dichiarazioni dei redditi e tutti i documenti di natura contabile legati all'attività della propria clientela. Acquistarli può avere un costo fisso annuo o uno molto più alto iniziale ma da considerarsi “una tantum”.

Potrebbe essere una buona idea per risparmiare per studi non tanto grandi acquistare applicazioni che offrono servizi di segreteria online (come ad esempio mysecretary con il servizio di segretaria personale). Avrete a disposizione una segretaria 24 ore su 24 che risponde per voi al vostro numero nel caso in cui siate impossibilitati a farlo... e sappiamo benissimo che un commercialista è forse una delle figure lavorative più tartassate telefonicamente dai clienti.

 

Trovare i primi clienti per uno studio di commercialisti

come-avviare-studio-di-dottore-commercialista

Per riuscire a trovare i primi clienti è opportuno puntare sempre su una moderata pubblicità. Bisognerà presentarsi presso le aziende, magari anche con l'aiuto dei rappresentanti, e rendere noti tutti i servizi garantendo professionalità e qualità.

Inizialmente, bisognerà anche essere competitivi da un punto di vista economico. Nella prima fase di avvio, non sarà facile riuscire a strappare alla concorrenza i clienti, ma riuscendo a promuoversi con dei servizi su siti di settore e anche su riviste specializzate, di certo si avrà l'opportunità di crescere da un punto di vista professionale. Uno dei consigli è quello di aprire subito un sito web in cui spiegare tutti i servizi della propria attività e poi proseguire con volantinaggio nella zona di competenza, inserzioni su stampa cartacea e su riviste specializzate del settore economico-finanziario.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest