• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Prestito familiare e Bonifico

 

prestito-familiare-bonifico

Il prestito familiare è caratterizzato da alcune regole che è meglio conoscere per evitare la presunzione di “nero” (ossia somme non dichiarate al Fisco) da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Chi riceve un regalo o un prestito dai parenti, se questo è di una certa consistenza ed è utilizzato subito (per l’acquisto, per esempio di una macchina o di un appartamento ecc.), è tenuto a formalizzare per iscritto quanto ricevuto. Basta una scrittura privata che deve avere data certa per evitare accertamenti fiscali (basta inviarsi la scrittura privata come raccomandata senza busta, la data della Posta farà fede). La data certa è ottenuta anche ricorrendo ad uno scambio di email tramite Posta Elettronica Certificata.

 

 

Infatti l’Agenzia delle Entrate potrebbe richiedere chiarimenti sulla provenienza di somme che appaiono non giustificabili a meno che il beneficiario non sia in grado di dimostrare che le somme sono frutto di un regalo o di un prestito elargito da un parente, altrimenti le somme potrebbero essere considerate come proventi da redditi in “nero” e conseguentemente, a seguito di accertamento fiscale, l’Agenzia delle Entrate effettuerà un ricalcolo delle imposte con pagamento anche di sanzioni.

Infatti l’Agenzia delle Entrate ha a disposizione i mezzi per controllare i nostri acquisti incrociando quanto guadagnamo con le spese sostenute e se queste superano del 20% quanto si potrebbe spendere rispetto al reddito (vedi redditometro) scatta l’accertamento.

 

Per il Prestito familiare meglio il bonifico bancario

Premesso questo, per evitare ogni problema e stare tranquilli, è opportuno che lo scambio di denaro avvenga tramite strumenti tracciabili: assegno bancario non trasferibile o bonifico bancario. Tra i due è preferibile il bonifico perchè si potrà citare nella casuale che si tratta di un regalo per uno specifico motivo o prestito che matura interessi.

 

 

Come spedire una raccomandata senza busta

Per fare in modo che non ci siano contestazioni sul contenuto della raccomandata, si prende il foglio che si vuole spedire (deve essere scritto su una sola facciata mentre l’altra deve essere completamente bianca), si piega il foglio in tre parti a soffietto in modo che le tre parti abbiano le stesse dimensioni e con le parti scritte all’interno. Su entrambi i lati più corti chiudere con due punti di spillatrice e sulla parte bianca scrivete l’indirizzo del destinatario a penna. Recatevi presso l’Ufficio Postale, compilate i modelli della raccomandata A.R. e spedite.

Per approfondire l'argomento "prestiti" raccomandiamo il portale www.prestitisbp.com.