• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come aprire un ecommerce elettrodomestici

 

 

In molti sanno che una buona alternativa alla mancanza di lavoro potrebbe essere ricercata nel web. Le risorse offerte da internet sono alte, a partire dalla possibilità di vendita online. Aprire un e-commerce vuol dire intraprendere un’attività molto redditizia, che è più semplice da esercitare rispetto ad un negozio fisico. Al contempo riesce ad essere una fonte di guadagno in grado di sfruttare il grande vantaggio di internet.

 

In quale settore lanciarsi? Sicuramente quello della tecnologia è un valore aggiunto. Per cui si potrebbe passare facilmente al vaglio l’idea di aprire un e-commerce di elettrodomestici.

 

aprire-ecommerce-elettrodomestici

Oggi infatti i consumatori sono molto propensi all’acquisto sul web. Esso infatti porta loro risparmio e qualità allo stesso tempo. In particolare gli apparecchi elettrici e quelli tecnologici sono i più acquistati online. Ecco perché decidere di aprire un negozio online di elettrodomestici è un passo da fare con spirito curioso, per raggiungere presto un guadagno che vada oltre le nostre aspettative.

Prima di iniziare a leggere questa interessante guida vorrei darti un suggerimento, ovvero quello di spulciare la guida dedicata a come avviare tantissime altre attività imprenditoriali, certamente servirà ad aprirti un vasto mondo di nuove opportunità: vai qui!

 

 

Vendita online di elettrodomestici: quali sono i vantaggi

come-aprire-ecommerce-elettrodomestici

Prima di capire tecnicamente come funziona un e-commerce di elettrodomestici,  cerchiamo di apprendere quali sono i vantaggi di una simile attività.

In primo luogo vengono meno i costi di un negozio fisico, quali cioè le tasse, gli eventuali stipendi e le utenze domestiche. I nostri apparecchi elettrici verranno venduti in maniera virtuale: basterà un computer, una connessione internet e il gioco è fatto. Potremo evitarci anche lo stress di dover presentare agli enti di competenza una miriade di scartoffie, in quanto è sufficiente giusto qualche semplice documento facile da inviare e pratico da compilare.

Da questa convenienza ne scaturisce anche una seconda. Ovvero che ci occuperemo di tutto semplicemente stando a casa, e gestendo tutto comodamente da lì. Insomma ovunque saremo, potremo dare uno sguardo attento alla nostra attività.

Quello che avremo è quindi un vero e proprio store online che ci consente di gestire il tempo e i luoghi in modo del tutto flessibile. Ovvio è che più investiremo il tempo nel nostro e-commerce e più riusciremo a ricavarne profitto.

 

Come si organizza un negozio online

Come anticipato, per gestire un e-commerce di elettrodomestici, dovremo avere un computer, una linea telefonica, una fotocamera e anche una stampante. Potremo anche adibire un angolo di casa nostra a mini ufficio inserendoci solo una scrivania. Così da avere tutto a portata di mano nel momento in cui saremo addentro all’attività.

A questo punto dovremo occuparci degli elettrodomestici che intendiamo commerciare. In questo caso dovremo imparare a rivolgerci ai fornitori giusti, in grado di servirci dei pacchetti economicamente convenienti, da riproporre poi ai nostri potenziali clienti, a condizioni altrettanto vantaggiose. Sono molti infatti gli utenti che ormai acquistano gli elettrodomestici sul web, e se preferiscono una simile opzione rispetto al negozio fisico, è proprio per risparmiare. Pertanto, prima di iniziare l’iter tecnico per l’apertura del sito web o del nostro store, meglio cercare i potenziali fornitori cui rivolgerci.

 

A questo punto sono tre le soluzioni:

1) vendere direttamente gli elettrodomestici e dotarsi quindi di un magazzino grazie al quale stoccare la merce e prendere accordi con agenzie che offrono servizi di tracking e spedizioni;

2) vendere in modalità dropshipping, ovvero non possedere fisicamente il prodotto in magazzino. In questo caso il venditore trasmetterà l'ordine al fornitore il quale lo spedirà direttamente al cliente finale;

3) vendere in modalità affiliation marketing affiliandosi a grandi portali online come ad esempio Amazon (venditaelettrodomestici.com è un portale esempio), ricavando una percentuale sulle vendite. In questo caso il venditore non deve occuparsi di niente e guadagna soltanto se la vendita va a buon fine.

 

 

L’apertura del negozio su eBay

Prima di aprire un sito e iniziare a commerciare i nostri elettrodomestici, potremo testare diversamente se l’attività che intendiamo coltivare sia o meno conveniente. Questo vuol dire che magari all’inizio si potrebbe avviare l’attività in piccolo aprendoci uno spazio su eBay. Nel giro di qualche mese potremo renderci conto se effettivamente c’è la convenienza, ci sono profitti e se il giro di utenti creato può trasformarsi in un pacchetto clienti.

Se le cose vanno bene, vuol dire che siamo pronti a lanciarci in un’attività molto più grande, aprendo un sito web che possa soddisfare le nostre esigenze in termini di guadagno.

 

Apertura di un e-commerce: il sito web

apertura-ecommerce-elettrodomestici

Per aprire uno store e caricare su tutte le specifiche degli apparecchi elettrici, bisogna seguire degli step, più che altro tecnici. Aspetti che cioè si basano su cosa bisogna sapere, come iniziare e con cosa iniziare.

Volendo è possibile rivolgersi ad un team di programmatori e webmaster i quali considereranno quali sono le migliori piattaforme su cui basarsi per l’apertura del proprio sito. Dovremo cioè scegliere una buona piattaforma in grado che ci fornisca al contempo un buon sito vetrina, un buon gestionale degli ordini, un database elastico in cui inserire gli elettrodomestici da vendere. Parliamo quindi di famosi CMS per ecommerce come Magento, Prestashop, Shopify, Opencart ed altri.

Il sito deve essere molto semplice, veloce e funzionale, ma graficamente accattivante. Dovremo suddividere gli elettrodomestici per categoria, inserire descrizioni e prezzi. Dopodiché dovremo pensare alla sezione carrello, modalità di scelta multipla, modalità varie di pagamento, reset dell’ordine, scelta del corriere, e così via.

Fondamentale sarà il lavoro di indicizzazione delle keyword del settore che convertono maggiormente, ovvero parliamo di lavoro SEO, SEO-onpage (cura dello script e content) e SEO-offpage (prettamente linkbuilding).

In termini di spese, rivolgersi ad un'agenzia SEO professionale che sappia organizzare come vogliamo il nostro e-commerce, potremo andare incontro ad una cifra oscillante tra i 500 e i 1000 euro. Poi ovviamente se le esigenze sono più complesse, i costi saranno più alti, ma saranno più alte anche le garanzie.

 

L'iter burocratico per aprire un e-commerce di elettrodomestici

Quanto all’iter burocratico, la legge italiana impone dei passi dovuti sia che si tratti di attività fisica sia che si tratti di attività online.

Per cui affinché la nostra vendita di elettrodomestici sia regolamentata e lecita, c’è bisogno di registrare la propria attività alla Camera di Commercio ed aprire la partita IVA presso l'Agenzia delle Entrate competente. Nonostante non apriremo un negozio fisico (per cui saremo scrollati di dichiarazioni e documentazioni del genere) dovremo comunque esperire una comunicazione telematica al comune di appartenenza. Tale richiesta prende il nome di comunicazione SUAP, ovvero Sportello unico per le attività produttive, che dà il via a quella che siglata è detta SCIA, ovvero una Segnalazione certificata di inizio attività.

Fatto ciò avremo regolarizzato la nostra attività e potremo dedicare anima e corpo alla vendita online di apparecchi tecnici convenienti e allo stesso tempo all’avanguardia.

 

 

L’importanza di farsi pubblicità

Avere un negozio fisico vuol dire riuscire a creare una rete di clientela basandosi sui classici strumenti di passaparola. Per l’attività virtuale, la pubblicità invece è di fondamentale importanza. Sfruttando sempre il poter del web, esiste una vasta gamma di strumenti per fare marketing: dai social network, ai blog, passando per gli articoli di marketing. Il tutto ottimizzato in ottica SEO.

In questo caso affinché un nostro elettrodomestico finisca sulla bocca di potenziali clienti, ci si potrebbe affidare a professionisti del web marketing. In alternativa se intendiamo fate un lavoro più completo potremo pensare di aprire un nostro blog che sua collegato direttamente all’e-shop. In questo caso saremo noi ad occuparci della stesura di articoli che descrivano nel dettaglio i nostri elettrodomestici e la convenienza di poterli acquistare. Articoli che andremo appositamente a strutturare per parole chiave collegate al sito.

 

Qualche ultimo passo e il negozio online di elettrodomestici è pronto

avviare-ecommerce-elettrodomestici

Completati questi step siamo quasi pronti per vendere gli apparecchi elettrici. Come anticipato sopra, non appena tutte le pratiche burocratiche sono state completate dovremo scegliere il CSM, il customer management system. Fondamentale sarà studiare il back-end del sito, ovvero la parte amministrativa del CMS. Dovremo imparare a inserire nuovi articoli e nuove descrizioni, a modificare i dati del magazzino, a gestire le fatture e gli ordini.

Da non trascurare l'attenzione rivolta ai clienti con un centralino per l'assistenza per risolvere i problemi, prendere gli ordini e stare dietro alle loro esigenze, a seguirli nei loro movimenti sul nostro sito. Dovremo rendere loro facili gli acquisti, facendo anche attenzione a quelli che saranno loro i feedback.

Sul sito dovrà esserci una sezione dedicata ai contatti, per permettere agli utenti di interfacciarsi con semplicità a noi. Anche se arrivano ad oltranza, nessuna e-mail deve rimanere senza risposta. Trascurare il cliente vuol dire farlo scocciare e spingerlo “tra le braccia” di altri venditori. E soprattutto nell’attività degli elettrodomestici la concorrenza è troppo spietata.

Dopo che il sito sarà pronto ed ogni contorno di cui abbiamo parlato andrà al suo posto, potremo cimentarsi ad inserire diverse inserzioni degli apparecchi che intendiamo proporre al pubblico. In tal verso non dimentichiamo di scrivere nel dettaglio sia le caratteristiche tecniche, che il costo. Il tutto accompagnato da molte foto.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest