• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come aprire una trattoria

 

avviare-trattoria

Avete deciso di aprire una trattoria? Sicuramente il settore alimentare è quello che maggiormente viene preferito da coloro che vogliono mettersi in proprio, una ragione esiste...gli uomini continueranno ad utilizzare ristoranti e locali per mangiare per anni a venire.

La trattoria è una delle attività maggiormente diffuse, perché dà l'occasione di poter iniziare questo percorso attraverso una gestione familiare che può essere condita da dedizione e da tanto amore. La trattoria può diventare un lavoro redditizio se gestito con passione e con professionalità.

Nel corso degli anni questa attività sarà in grado di darvi l'opportunità di raggiungere la tranquillità economica, una volta che il vostro locale si sarà fatto un nome ed una propria clientela fissa. La trattoria deve essere intesa come il luogo in cui cenare o pranzare in compagnia, con un'accoglienza molto calorosa per famiglie, lavoratori e coppie. La trattoria viene frequentata da qualunque tipologia di persone ed è per questo che bisogna creare un locale che, a differenza del ristorante abbia un'atmosfera molto più rilassata, rustica e soprattutto che riesca a contenere i costi da un punto di vista dei listino prezzi del menu.

Nel caso tu voglia aprire un'altra tipologia di locale ti consigliamo di leggere: come aprire un ristorante o come aprire una pizzeria.

 

 

I requisiti necessari e gli adempimenti per aprire una trattoria

come-aprire-una-trattoria

Per aprire una trattoria bisogna seguire una serie di pratiche di natura burocratica che sono fondamentali per dare inizio all'attività. Servirà innanzitutto compilare una Scia ovvero la segnalazione del certificato inizio attività presso il comune di appartenenza, in modo tale da iniziare i lavori presso la sede definita e poi procedere con una serie di pratiche.

Gli adempimenti burocratici necessari oltre alla Scia sono:

- apertura di una partita IVA presso l'Agenzia delle Entrate competente;

- iscrizione presso la Camera di Commercio e presso il registro delle imprese;

- apertura di una posizione presso INAIL e INPS in modo tale da garantirsi contributi antinfortunistici e quelli previdenziali;

- avere il documento HACCP a tutti i lavoratori che andranno a dare il loro contributo all'interno della trattoria.

 

I requisiti per aprire una trattoria

una-trattoria

Oltre a quelli che sono i requisiti generali per dare inizio a questo tipo di attività, per avviare una trattoria bisognerà avere anche delle competenze e attributi specifici. Infatti, bisognerà presentare un'autocertificazione sul possesso di requisiti professionali e morali. Inoltre bisognerà anche fare in modo che la sede scelta per aprire una trattoria abbia l'autorizzazione igienico sanitaria che deve obbligatoriamente essere rilasciata dall'ASL di competenza territoriale.

Un altro requisito fondamentale per aprire una trattoria è quello di avere l'autorizzazione per la distribuzione di bevande ed i cibi. È possibile ottenere questa autorizzazione sia con l'esperienza nel settore che duri da almeno due anni. Inoltre, bisognerà anche avere un diploma che possa certificare le vostre competenze necessarie per l'apertura della trattoria.

Bisognerà aver frequentato anche una serie di corsi come il SAB, ovvero quello per la somministrazione di alimenti e bevande che è sicuramente uno di quelli maggiormente ricercati e idonei per ottenere l'okay da un punto di vista amministrativo e burocratico.

 

L'importanza della scelta di una sede per aprire una trattoria

come-avviare-una-trattoria

Oltre all'autorizzazione igienico sanitaria dell'ASL competente, aprire una trattoria significa anche trovare la location ideale dove far sorgere questo locale. Sarà fondamentale trovare un posto che abbia un parcheggio adeguatamente grande, così da rendere pratica e comoda la sosta ai vostri potenziali clienti.

Inoltre, sarà utile aprire una trattoria in una zona di passaggio e ovviamente meglio ancora in una zona turistica, un centro cittadino o un'area vicina ad attività di tipo industriale, commerciale e imprenditoriale. Sono questi i luoghi strategici in cui si potrà avere maggiore possibilità di successo, in quanto è già garantito in maniera diretta e particolare, un flusso giornaliero di utenti. Oltre alla posizione strategica, è importante che ci sia uno spazio adeguato per avere anche un numero abbastanza cospicuo di coperti.

Solitamente una trattoria deve avere uno spazio che oscilla tra i 20 e i 100 coperti al massimo, perché è proprio l'ambiente ristretto, rustico, spartano e familiare che distingue questo tipo di attività da un ristorante vero e proprio. Non dimenticate anche l'importanza di scegliere locali adeguatamente grandi per istituire la cucina, un deposito ed un'area per il carico e scarico delle merci.

 

 

I costi per aprire una trattoria

avviare-una-trattoria

Per aprire una trattoria bisognerà prendere in considerazione una serie di costi di non poco conto. Infatti, in prima fase bisogna allestire la sala, affittarla oppure acquistarla. In più bisogna pensare alla creazione di un ambiente che sia comodo, accogliente, rustico e che quindi possa essere apprezzato dai clienti. La spesa può superare i 50/100 mila euro, perché bisogna prendere in considerazione anche l'acquisto di attrezzature per la cucina, di stoviglie ed anche l'assunzione di personale fisso e di quello invece saltuario o stagionale per la vostra attività. Di conseguenza incideranno sui costi iniziali anche l'acquisto di divise per cuochi e camerieri, certo è che online è possibile risparmiare un bel pò scegliendo con oculatezza (come ad esempio su diviseprofessionali.net). E' evidente che non sarà facile inizialmente aprire questo tipo di impresa, ma la gestione potrebbe risultare ancora più complessa se non fatta in maniera professionale.

 

Come gestire una trattoria di successo

Per gestire una trattoria di successo inizialmente basterà un clima familiare e di impegno reciproco. Però potrebbe essere necessario frequentare ad esempio corsi di formazione per imparare a gestire al meglio la cucina e a coordinare tutte le risorse. In più, serviranno dei camerieri qualora non si abbia abbastanza personale nell'ambito della gestione familiare.

Non dimenticare che comunque un'attività di questo genere ha delle scadenze economico-finanziarie, quindi potrebbe essere utile il sostegno di un commercialista. In più, bisognerà pensare ad una strategia ben precisa di lancio della propria attività e quindi investire sulla pubblicità classica e anche su quella via web e social, che potrebbe essere un toccasana per far conoscere la vostra nuova trattoria ad un pubblico sempre crescente. La messa online di un sito web ufficiale della trattoria sarà sicuramente una mossa vincente soprattutto se realizzato da agenzia SEO competente in modo tale da avere una perfetta indicizzazione sui motori di ricerca.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest