• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come fare calcolo cessione del quinto

 

calcolo-cessione-del-quinto

Nell'ambito di un prestito personale rimborsabile con la cessione del quinto dello stipendio, il calcolo si può effettuare in due modi differenti: tramite la busta paga, oppure con il Cud.

Il calcolo per la cessione del quinto dello stipendio si effettua basandosi sulla busta paga quando il richiedente non è in possesso di un certificato di stipendio, che è il documento principale utile all'apertura di una pratica di richiesta di prestito personale con cessione del quinto dello stipendio.

Lo stipendio del dipendente può essere ricevuto sia tramite assegno che bonifico.

 

 

Calcolare cessione del quinto dello stipendio tramite busta paga

cessione-de-quinto

Per calcolare l'importo del quinto dello stipendio tramite la busta paga è necessario prendere in considerazione due elementi: la paga oraria e le ore mensili lavorative stabilite dal contratto; ad esempio se le ore lavorative sono 180, e la paga oraria è di 7,00 €, il calcolo che va eseguito è questo: 180x7,00=1260,00 si prosegue con questi calcoli: 1260,00x13=16380,00 reddito lordo mensile 16380,00:12=1365,00 reddito netto mensile 1365,00- il 27% (aliquota irpef) il risultato finale va poi diviso per 5, da questo ultimo passaggio si ottiene l'importo massimo detraibile mensile per la cessione del quinto.

 

Calcolare cessione del quinto dello stipendio tramite modello Cud

cessione-quinto

Il secondo metodo per calcolare l'importo della rata detraibile mensilmente per la cessione del quinto dello stipendio, per il rimborso di un prestito personale, è quello dell'utilizzo del modello Cud; bisogna consultare la prima pagina del modello Cud, nello specifico la parte sotto i dati del dipendente, che è quella inerente i dati fiscali, denominata con la lettera "B".

I dati fiscali sono lo strumento per calcolare l'importo della cessione del quinto dello stipendio, vanno utilizzati i dati presenti alla voce: "redditi ai quali è applicabile la detrazione di cui all’art. 13, commi 1,2,3 e 4 del Tuir”.

In questa sezione del modello Cud è indicato l'importo dello stipendio lordo inerente all'anno precedente, da quell'importo vanno poi sottratti tutti gli importi presenti nella riga sottostante del modello, per prime le ritenute Irpef e poi via via le altre somme; il risultato finale va diviso per 5.

Il modello Cud, cosi come la busta paga, diventa il documento principale per il calcolo della cessione del quinto dello stipendio; documenti che vanno a sostituire il certificato di stipendio, nel caso che il lavoratore, richiedente un prestito personale non ne sia in possesso, da sottolineare che sono però calcoli approssimativi.

 

 

I vantaggi della cessione del quinto dello stipendio

cessione-del-quinto-guida

La cessione del quinto dello stipendio è un delle soluzioni più valide nei casi di richiesta di liquidità in modo facile, pratico e veloce; le possibilità di finanziamento standard sono ampie, i prestiti personali con cessione del quinto dello stipendio arrivano fino a € 50.000 con un massimale di 120 rate mensili, ovviamente più il rimborso sarà dilazionato nel tempo più la rata mensile da rimborsare sarà bassa.

La cessione del quinto dello stipendio non tiene conto di eventuali segnalazioni negative presenti nella banca dati, per questo motivo un prestito personale di questa tipologia è sempre erogabile anche a protestati; ed arriva come valida risoluzione laddove per i cattivi pagatori ogni porta è chiusa.

Ottime soluzioni anche per chi ha già una cessione del quinto dello stipendio in corso (approfondimenti su prestitimag.it), i rimborsi già in corso di detrazione verranno valutati se "rinnovabili" o se è fattibile una "delega di pagamento", questo per erogare nuova liquidità in aggiunta o a estinzione della prima cessione del quinto dello stipendio.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest