• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Bonifico limite importo massimo

 

bonifico-importo-massimo

Ogni legge di Stabilità definita dal governo italiano stabilisce negli ultimi anni un tetto massimo di contante con cui si possono effettuate pagamenti e che è passato da una soglia di 1.000 a 3.000 euro, ma questi limiti non si devono in alcun modo applicare al bonifico bancario che in realtà non ha alcun tetto massimo sia nei pagamenti verso l’Italia che in quelli per l’estero.

 

 

Importo massimo del bonifico, non c’è limite

Non esiste, almeno con le leggi attuali, un limite di importo bonificabile e quindi il debitore (ossia il soggetto che deve fare il versamento attraverso un bonifico) è libero di trasferire dal proprio conto a quello del creditore, qualsiasi somma senza che possa scattare la violazione della normativa sulla tracciabilità o sull’antiriciclaggio.

Infatti è espressamente previsto che la legge vieti unicamente il trasferimento di denaro contante ma non quello che viene effettuato attraverso strumenti che sono comunque tracciabili come il bonifico o la carta di credito. In effetti il bonifico ha come sua caratteristica principale quella di non avere nessun segreto poiché sia chi lo dispone che il destinatario sono chiari sin dall’origine dell’operazione e quindi non c’è bisogno di sottoporre quel tipo di operazione alle rigide norme che invece riguardano gli altri tipo di pagamento.

 

 

Bonifico in banca oppure online, le uniche soglie

limite-massimo-bonifico-bancario

Cosa succede quindi quando un cliente si presenta allo sportello di una banca o di un ufficio postale per un bonifico? Il cassiere o l’impiegato che deve materialmente disporre l’operazione non può in alcun modo opporsi oppure fare rilievi, sia che i soldi per il bonifico escano dal conto corrente di chi paga, sia che questi arrivi con i contanti.

Il vero limite in realtà viene stabilito dal cliente stesso quando apre il conto o quando utilizza le operazioni in home banking: infatti solitamente d’accordo con la banca o l’ufficio postale è lui stesso a mettere un limite, come si fa con il bancomat o la carta di credito, alle operazioni giornaliere e mensili da bonificare in modo che in caso di furto dei dati bancari il conto non venga prosciugato. I massimali dipendono da banca a banca e solitamente sono attorno ai 50 mila euro giornalieri e ai 150 euro mensili, salvo diversi accordi tra le parti.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest