• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Storno del bonifico bancario

 

storno-bonifico-errato

Il bonifico bancario, come qualsiasi altra operazione che si effettua in uno sportello oppure online, può essere soggetto ad un errore di compilazione spesso involontario. E allora come ci si deve comportare per annullare un bonifico? operazione anche chiamata "storno del bonifico", ossia il riaccredito della somma che involontariamente ed erroneamente è stata diposta dal cliente?

 

 

Come si effettua lo storno del bonifico errato

storno-bonifico-bancario

Anzitutto sono importanti i tempi. Infatti lo storno del bonifico, trattandosi di un’operazione in uscita, deve essere richiesto nella stessa giornata lavorativa, possibilmente entro un paio d’ore da quando è stato effettuato anche se in realtà il tempo limite è quello fissato dalla banca nelle condizioni di apertura del conto. Fondamentale è che la somma disposta nel pagamento del bonifico non sia ancora stata accreditata sul conto corrente del beneficiario, operazione per la quale sono previsti almeno un paio di giorni lavorativi per un bonifico SEPA nazionale, mentre i tempi sono più lunghi per un bonifico estero.

Come ci si deve comportare quindi per bloccare l’operazione di bonifico bancario e per richiedere lo storno del bonifico? Se è stato effettuato fisicamente presso lo sportello della banca sarà necessario disporre un’operazione inversa chiedendo quindi che l’ordine di pagamento sia revocato e che quindi la somma disposta sia stornata. Se invece ci si accorge dell’errore in ritardo e quindi l’operazione è già stata dispposta, in quel caso la banca non potrà più fare nulla, ma il cliente dovrà rivolgersi direttamente al beneficiario del bonifico oppure alla sua banca d’appoggio richiedendogli la restituzione della somma versata senza valida causa.

 

 

Tempi e modi per lo storno del bonifico

storno-bonifico-azioni-legali

Come prevede infatti il nostro codice civile, che fa giurisprudenza in questi casi, il pagamento deve essere fatto soltanto al creditore o a colui che è stato incaricato di ricevere la somma. Quindi se non dovesse bastare una telefonata o una email, bisognerà scrivere inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno o una email di posta elettronica certificata. E se anche questo tentativo non dovesse andare in porto, allora si dovrà ricorrere alle azioni legali ed ad un buon avvocato. Ma se il credito non supera 1.100 euro, il decreto ingiuntivo da presentare al giudice di pace non richiede la presenza di un avvocato.

In ogni caso se la banca dopo aver verificato che i dati disposti sulla richiesta non corrispondono a quelli corretti provvede allo storno del bonifico in 15-20 giorni lavorativi, anche se in certi casi si può arrivare persino a 30 giorni. E può farlo d’ufficio, ossia anche non in presenza di una specidica richiesta scritta da parte del cliente perché comunque quel bonifico non ha nessuna speranza di poter andare in porto.

Il principio vale ovviamente anche per un bonifico online. In questo caso sarà sufficiente cliccare sulla voce ‘Annulla’ nell’area relativa ai bonifici.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest