• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come aprire una casa di riposo per anziani o una RSA

 

aprire-casa-di-riposo-anziani

La popolazione italiana viene considerata, cifre alla mano, una delle più anziane al mondo. Questo è infatti quanto dimostrato dai dati demografici secondo i quali nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una crescita esponenziale della percentuale di anziani sul territorio italiano.

Tutto ciò ha fatto crescere anche il bisogno di strutture in grado di prendersi cura di tali persone per le quali è necessaria una specifica assistenza. Ed è proprio in risposta a tali bisogni che sono nate le case di riposo per anziani ovvero una specie di residenza alternativa per tutte quelle persone non più autosufficienti che per diversi motivi non possono vivere da soli all'interno della propria abitazione.

Avviare una casa per anziani vuol dire fare impresa (puoi approfondire: come avviare un'impresa) nel vero senso della parola, quindi ci si dovrà vestire i panni dell'imprenditore e sobbarcarsi i rischi connessi.

 

 

Case di riposo per anziani e RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali)

avviare-casa-di-riposo-anziani

Una casa di riposo per anziani, se gestita al meglio, rappresenta un grande vantaggio per tutte quelle persone che necessitano di particolari cure ed attenzioni che al contrario non potrebbero riceverle vivendo da sole in casa, chi per un motivo chi per un altro che non stiamo adesso a sindacare.

Purtroppo la famiglia moderna, a causa dei molteplici impegni di lavoro che vedono impegnati sia uomini che donne, non riesce più ad offrire la garanzia di una buona assistenza, la stessa che invece però è in grado di offrire proprio una casa di riposo.

Inoltre l'apertura di tali strutture rappresenta anche un grande vantaggio a livello lavorativo in quanto si tratta di un impresa in grado di creare occupazione. Ad oggi vi sono davvero molte strutture sul territorio e proprio a tal proposito è possibile dire che nonostante talvolta ci si trovi a dover fare i conti con la concorrenza, ecco che spesso proprio le strutture presenti sul territorio si rivelano insufficienti data l'elevata richiesta.

L'obiettivo con il quale viene aperta una casa di riposo per anziani è proprio quello di accogliere le persone di terza età riproponendo un'atmosfera tipica casalinga e quindi particolarmente accogliente.

 

E' opportuno chiarire che le strutture per un centro di assistenza per anziani si dividono in:

  1. Case di riposo: destinate ad anziani che non hanno dei particolari problemi di salute. Persone quindi che si trovano in uno stato di salute generale buono e per il quale non è necessario un monitoraggio costante, ma che per qualche motivo non possono vivere da sole ad esempio perché non più autosufficienti;

  2. RSA: queste invece sono delle strutture destinate a pazienti non auto-sufficienti. Persone per le quali è previsto e quindi si rivela necessario un monitoraggio costante del proprio stato di salute. E' opportuno chiarire che le RSA (acronimo di Residenze Sanitarie Assistenziali) devono essere preparate al meglio, sia facendo riferimento alla struttura che ospita gli anziani sia in riferimento al personale medico e para-medico che si occuperà di curare i pazienti. E' opportuno che siano sempre presenti almeno un medico e il personale infermieristico ovviamente specializzato.

 

In generale è possibile dire che la differenza sostanziale tra le due tipologie di strutture per l'assistenza degli anziani è che la prima, e quindi la casa di riposo, rappresenta una specie di residenza alternativa per gli anziani che non possono vivere da soli in casa. La seconda, e quindi le RSA, sono invece da considerare delle strutture para-ospedaliere.

 

Requisiti per aprire una casa di riposo per anziani e Normativa

Se desiderate aprire una casa di riposo per anziani, o avviare una RSA, è importante che siate a conoscenza di quelli che sono i requisiti necessari. Ad elencare i requisiti minimi organizzativi e strutturali attraverso i quali le case di riposo o altre strutture dedite all'assistenza ad anziani possono essere autorizzate è il Decreto Ministeriale n.308 del 21 Maggio 2001 (art.5).

 

Secondo quanto scritto in tale D.M per ottenere la dovuta autorizzazione la casa di riposo:

  • deve trovarsi ubicata in un luogo facilmente raggiungibile attraverso i mezzi pubblici. O in generale in un luogo che renda possibile e semplice le visite agli anziani e che permetta a quest'ultimi di poter partecipare alla vita sociale del territorio;

  • non devono esservi presenti barriere architettoniche in quanto potrebbero rendere gli spostamenti difficili;

  • deve essere dotata di spazi comuni e destinati ad attività collettive. Spazi che però dovranno permettere autonomia individuale e allo stesso tempo garantire privacy;

  • le attività proposte dovranno rispettare i tempi e gli stili di vita degli anziani ospiti all'interno della struttura;

  • agli ospiti e ai parenti e a coloro che ne fanno richiesta dovrà essere fornita una carta dei servizi erogati. Nello specifico in questa dovranno essere contenuti i criteri di accesso alla struttura, le tariffe applicate e le diverse prestazioni comprese. In generale qualsiasi informazione che riguarda proprio la vita della struttura.

 

E ancora la struttura dovrà:

  • avere un Coordinatore Responsabile dotato ovviamente di qualifica certificata;

  • garantire assistenza agli anziani grazie al servizio prestato da figure professionali qualificate.

 

Il D.M. n.308 del 21 Maggio 2001 stabilisce inoltre che la struttura dovrà avere una capacità ricettiva di massimo 80 posti letto. Nelle stanze dovranno esservi dei campanelli attraverso i quali gli anziani potranno chiedere assistenza in caso di urgenza. Poi ancora ognuna delle camere deve avere accesso ai servizi igienici. E' previsto almeno un bagno per ogni due camere e questo dovrà essere dotato di tutta l'attrezzatura necessaria, compresa quella prevista per i diversamente abili. E poi ancora è importante che a disposizione dei pazienti vi sia un linea telefonica attraverso la quale poter comunicare con l'esterno e poi un guardaroba, una cucina interna e un servizio lavanderia destinato anche al deposito di biancheria sporca.

Infine se la struttura si trova suddivisa in piani ecco che dovrà obbligatoriamente essere dotata di ascensore ed essere in possesso di tutti i certificati di sicurezza previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica del 1997. Sempre facendo riferimento ai locali adatti per l'apertura di una casa di riposo per anziani ecco che potrebbe rivelarsi utile anche la presenza di una palestra per la riabilitazione e uno spazio esterno dove i pazienti possono recarsi per fare una passeggiata o semplicemente per godersi il sole in mezzo al verde nel corso della bella stagione.

 

 

Aprire una casa di riposo, iter burocratico

come-aprire-casa-di-riposo-anziani

Una volta chiariti quelli che sono i requisiti minimi organizzativi e strutturali elencati nel Decreto Ministeriale n.308 del 21 Maggio 2001 ecco che adesso è opportuno precisare che vi è anche un particolare iter burocratico da seguire e quindi degli aspetti legali e pratici che non vanno sottovalutati.

 

Nello specifico per aprire una casa di riposo bisognerà effettuare:

  1. richiesta della partita Iva all'Agenzia delle Entrate;

  2. iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio (ed in questi casi sarà opportuno chiarire il tipo di struttura che si intende aprire);

  3. Iscrizione ai registri INPS e Inail.

 

Inoltre è opportuno che sia le case di riposo sia le RSA siano in possesso di tutti quei requisiti previsti dalle norme del DPR del 1997.

 

Nello specifico questi sono:

  • Certificazione antincendio;

  • Certificazione per la sicurezza e la continuità elettrica;

  • Certificazione antisismica;

  • Certificazione delle condizioni micro-climatiche e delle acque;

  • Certificazione per l’igiene dei locali;

  • Certificazione per la protezione acustica;

  • Certificazione per la sicurezza antinfortunistica;

  • Certificazione impianti gas;

  • Certificazione per la protezione dalle radiazioni.

 

E' infine opportuno che vengano eliminate eventuali barriere architettoniche presenti e che sia regolamentato anche lo smaltimento dei rifiuti.

 

Quanto costa aprire una casa di riposo

come-avviare-casa-di-riposo-anziani

A questo punto vi starete sicuramente chiedendo "Ma quanto costa aprire una casa di riposo per anziani?". A tale domanda però non è possibile dare una risposta certa in quanto tali costi possono variare, e talvolta anche di molto. Sono diversi gli elementi a cui prestare attenzione e che quindi possono incidere nel costo finale.

Oltre che la particolarità della struttura, il cui affitto può essere talvolta anche molto caro, ad incidere sul prezzo finale saranno anche i mobili scelti per l'arredamento della struttura. E ancora i letti e tutto ciò che servirà proprio per l'assistenza sanitaria. A tali voci poi bisognerà anche sommare i salari dei dipendenti. E quindi medici, infermieri e altro personale sanitario qualificato in grado di prestare assistenza agli anziani. In generale comunque è possibile dire che per aprire una casa di riposo in regola potrebbero volerci inizialmente anche 250,000/500.000 euro. E in alcuni casi tale cifra potrebbe essere anche superata. Per tale motivi è fondamentale realizzare con l'aiuto di esperti un business plan specifico proprio per l'apertura di casa di riposo per anziani, magari facendosi aiutare anche da software professionali per non lasciare nulla al caso.

Un altro passo fondamentale è la realizzazione di una campagna di marketing ad hoc eventualmente su media come TV e quotidiani locali, ma necessariamente sul web mediante advertising e la messa online di un sito web rappresentativo dell'azienda.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest