• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come aprire un negozio di prodotti bio

 

Negli ultimi anni è aumentato in maniera esponenziale il consumo di prodotti di natura biologica, complice la tendenza del momento, oltre che la diffusione di varie intolleranze alimentari, ma soprattutto nato dalla voglia di mangiare sano, con cibi di qualità selezionati. Essendo un settore sempre più apprezzato ed in continua crescita sono in molti i sostenitori del biologico che hanno deciso di investire ed aprire un negozio di prodotti bio.

 

 

Tuttavia gli alimenti conosciuti come biologici per riuscire ad essere indicati come tali devono riuscire ad ottenere certificazioni, seguendo precisi standard oltre ad essere giuridicamente regolamentati e sottoposti a costanti analisi che consentono di mantenere tale certificazione.

 

come-aprire-negozio-prodotti-bio

Da diversi dati raccolti recentemente è emerso che nel nostro Paese il consumo di prodotti biologici assolutamente naturali, sia alimentati che per il benessere della persona e della propria casa è cresciuto sensibilmente. Chiunque sia attento ai propri acquisti che siano responsabili e in rispetto per l’ambiente, e si ha voglia di creare un progetto futuro può decidere di investire aprendo un’attività commerciale di prodotti biologici.

I primi prodotti biologici sono comparsi sul mercato proprio a partire dagli anni ’80 ma ad oggi sono sempre più numerosi gli esercizi commerciali che si occupano di prodotti bio, data la maggiore richiesta da parte dei consumatori che prestano attenzione alla qualità dei prodotti che utilizzano quotidianamente.

Il mercato dei prodotti biologici non è assolutamente saturo in Italia, e questo aspetto potrebbe rappresentare per molti un opportunità vantaggiosa dato che in diversi località ancora non esistono punti vendita dedicati al biologico.

In questo articolo andremo a focalizzarci su due aspetti: come avviare un negozio di prodotti bio e come farlo utilizzando la formula del franchising. Prima però ti consiglio di dare uno sguardo alla sezione dedicata a come avviare svariate altre attività imprenditoriali per avere un quadro a 360 gradi: clicca qui!

 

Come avviare un negozio bio

aprire-negozio-prodotti-bio

Innanzitutto è fondamentale individuare il punto ideale a collocare il proprio negozio dedicato ai prodotti biologici.  Potrebbe essere particolarmente vantaggioso scegliere una zona strategica, magari la più visitata in modo che in molti possano notare il proprio negozio, essendo un settore anche di nicchia per molti consumatori.

Secondo diverse indagini è emerso che un negozio di prodotti biologici sarebbe in grado di generare introiti giornalieri pari a 1500 euro, garantendo così l’opportunità di coprire le spese iniziali di avvio dell’attività commerciale in pochissimi anni, circa due o tre anni.

Non necessariamente servirà trovare un locale grande, magari inizialmente si potrà optare per un negozio di piccole dimensioni che potrà essere gestito anche solo dal titolare, e in seguito ingrandire il locale avvalendosi dell’aiuto di un collaboratore.

Un aspetto importante per avviare un negozio di prodotti biologici è rappresentata dalle occasioni di promozione del punto vendita, potrebbe essere interessante organizzare degli incontri aperti al pubblico in cui possono essere trattati temi legati al mondo del biologico, magari avvalendosi della presentazione di alcuni dei prodotti venduti alla clientela, o fornendo delle degustazioni.

Ma i negozi di prodotti biologici non sono esclusivamente un punto di riferimento per le famiglie attente al benessere della famiglia, ma anche per chi decide di organizzare dei gruppi di acquisto solidale. In quanto i negozi bio hanno l’opportunità di mettersi a disposizione dei gruppi acquisto solidale per ottenere dei prodotti bio a prezzi decisamente vantaggiosi.

 

 

Tutte le normative per aprire un negozio bio

Prima di avviare l’attività di prodotti biologici è fondamentale documentarsi adeguatamente sulle normative che regolano la produzione biologica, in modo da potersi rivolgere esclusivamente a fornitori sicuri.

Si dovrà tenere in considerazione che i prodotti agricoli potrebbero provenire da terreni lontani, che i prodotti confezionati non possono contenere sostanze chimiche che sono praticamente bandite nel settore biologico per la loro conservazione. Tutti i prodotti dedicati alla detergenza della persona e della casa devono essere garantiti da marchi di controllo per il biologico presenti in Italia.

 

Tutti i costi di apertura negozio bio

I costi di investimento iniziale per avviare un’attività commerciale di prodotti biologici sono contenuti in quanto non è necessario un negozio di grandi dimensioni, e di conseguenza il prezzo di affitto non sarà eccessivo. Soprattutto nella fase iniziale è opportuno non dedicare grandi cifre per l’arredamento del negozio, che potrà essere anche piuttosto semplice secondo la filosofia del rispetto dell’ambiente e della natura.

Un aspetto di grande importanza invece assume la qualità dei prodotti venduti ai clienti. I consumatori che frequentano negozio dedicati al biologico sono piuttosto attenti a ciò che cercano ed alla composizione, a gli ingredienti di qualsiasi prodotto alimentare.

 

Decidere di aprire un negozio bio in franchising

come-avviare-negozio-prodotti-bio

Come per qualsiasi altro tipologia di esercizio commerciale anche per l’apertura di un negozio di prodotti biologici è possibile ricorrere alla formula del franchising (qui su naturplus.it trovi un esempio di franchising per store di prodotti bio).

In questo ci si sentirà maggiormente guidati sia nella scelta del punto vendita, che degli arredi oltre che dei prodotti venduti. Con una maggiore garanzia di notorietà spesso data dal marchio ben consolidato o dal progetto del franchising già avviato in diverse altre città d’Italia.

Secondo le opportunità offerte dal franchising i costi di avvio dell’attività possono variare in base alle dimensioni del punto vendita. Costi che nel nostro Paese si aggirano intorno ai 20 mila e i 200 mila euro, e che possono variare a seconda del fatto di avere già a propria disposizione un locale oppure un punto vendita già avviato con il quale entrare a far parte di una catena già nota, come ad esempio Naturasì, Cuorebio, o anche Biobottega.

 

 

Chi decide di avviare un’attività commerciale di prodotti biologici in maniera indipendente invece dovrà preventivare dei costi di avvio dell’ammontare complessivo di circa 80 mila 100 mila euro, cifra che oltre all’affitto del locale comprende anche l’acquisto di arredamenti e attrezzature.

Uno dei primi passi oltre a conoscere tutta la regolamentazione riguardo la commercializzazione di prodotti biologici è la presentazione presso il proprio Comune della domanda ufficiale di apertura di una nuova attività commerciale. Successivamente la domanda verrà sottoposta alla ASL competente che dovrà dichiarare l’idoneità igienico sanitaria dei locali dove sorgerà il punto vendita. E solamente a seguito dei controlli della ASL sarà possibile avviare ufficialmente il negozio bio.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest