• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come avviare attività di trucco permanente e Normativa

 

 

Una delle tecniche estetiche che sta spopolando negli ultimi anni è il trucco permanente, per riuscire ad avere sopracciglia, labbra e occhi sempre truccati ed impeccabili in qualsiasi circostanza. Tuttavia erroneamente sono in molte ad identificare tale tecnica con il classico tatuaggio. Chiamato anche micropigmentazione, dermopigmentazione o tatuaggio estetico il trucco permanente è la tecnica realizzata da esperti che consente di definire le sopracciglia, le labbra o gli occhi, apprezzata soprattutto da chi ha necessità di avere un aspetto curato tutti i giorni.

 

 

Trucco permanente/semipermanente e tatuaggio a confronto

aprire-centro-estetico-trucco-permanente

Nonostante sia simile, il trucco permanente o semipermanente è differente dal tatuaggio, soprattutto riguardo al professionista presso il quale ci si sottopone al trattamento. Un trucco semipermanente deve essere eseguito esclusivamente da un truccatore visagista specializzato, e sicuramente un semplice tatuatore non ha questo tipo di preparazione.

Inoltre i pigmenti utilizzati per un trucco semipermanente sono secondo disposizioni di legge assolutamente ipoallergenici e bio-riassorbili, proprio perché consentirebbero al professionista nel tempo di apportare modifiche, semplicemente per adeguare il trattamento ai cambiamenti del viso legati all’età,  a differenza del tatuaggio che viene realizzato con inchiostri indelebili, i chine.

Le donne interessate al trucco semi permanente sono aumentate notevolmente negli anni, ecco perché prima di avviare attività di trucco permanente è fondamentale conoscere ogni aspetto legato all’avvio dell’attività, oltre che attenersi alla normativa ultima (ci riferiamo a quella del 2019).

 

Come avviare attività di trucco permanente? I requisiti

L’effetto che il trucco permanente è in grado donare al viso è sicuramente una maggiore luminosità, con un make up sempre vivo senza necessariamente doverlo sistemare continuamente. Una volta effettuato il trattamento di trucco permanente i risultati resteranno sul viso in modo duraturo, per diverso tempo o almeno fino a quando il pigmento non verrà assorbito dalla cute.

La grande richiesta di trattamenti di trucco permanente ha fatto sì che molte estetiste si specializzassero in questo settore frequentando dei corsi di operatore di trucco permanente, nello specifico il corso Regionale riconosciuto di tatuaggi e piercing.

Una volta frequentato e superato l’esame finale del corso di specializzazione, tramite il quale è possibile acquisire tutte le competenze di base per diventare una consulente di bellezza, è possibile esercitare la propria manualità e la sensibilità verso le apparecchiature indispensabili per effettuare trucco permanente.

Frequentare spesso corsi di aggiornamento per trucco permanente fa sì che ogni professionista sia adeguatamente formato, a realizzare i trattamenti di trucco permanente con maggiore precisione, ma rimanendo costantemente al passo coi tempi e le tendenze del momento.

Ma come per ogni tipologia di attività, l’avvio di un centro per trucco permanente deve seguire le particolari procedure burocratiche per poter svolgere correttamente, e seguendo le normative che regolano la professione.

 

 

Aspetto burocratico per l’avvio di un centro per trucco permanente

avviare-centro-trucco-permanente

Come per molte attività commerciali, anche per l’apertura di un centro estetico che si occupa di effettuare trattamenti di trucco permanente è necessario registrare l’impresa presso la Camera di commercio nel registro Ditte e nell’albo imprese artigiane, oltre a dover aprire la Partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate.

Assolutamente indispensabile per avviare l’attività di trucco permanente è richiedere il nulla osta igienico sanitario, sarà proprio la stessa ASL di competenza ad effettuare i dovuti controlli in modo da stabilire o meno l’idoneità per poter avviare l’attività. Altro fattore da non sottovalutare è regolarizzare la propria posizione sia all’INPS che all’INAIL, anche in caso siano presenti dei dipendenti.

Uno dei primi fattori per poter avviare l’attività di trucco permanente è cercare di essere in possesso dell’attestato di abilitazione regionale, senza il quale sarebbe impossibile poter avviare l’attività secondo la nuova normativa del 2019.

 

Tutto sulla normativa 2019: trucco permanente

Purtroppo sono numerose le estetiste che senza seguire le direttive di legge praticano  i trattamenti di trucco permanente, sentendosi legittimate nonostante non siano in possesso dei requisiti previsti dalla legge.

Le normative per poter eseguire il trucco permanente in Italia sono diverse da regione a regione, sarebbe bene quindi informarsi presso l’ufficio di competenza del proprio Comune. Ma nella maggior parte delle regioni d’Italia per poter eseguire un trucco permanente è richiesta l’abilitazione al tatuaggio e piercing.

I rischi legati all’esercizio abusivo della professione possono essere piuttosto gravi, soprattutto per la salute dei clienti che possono contrarre numerose malattie come infezioni da micobatteri, setticemie, o anche ascessi, emorragie e dermatiti.

Secondo normativa di legge 2019 le estetiste che vogliono praticare un trattamento di dermopigmentazione o trucco permanente hanno l’obbligo di frequentare un corso di 90 ore, riconosciuto dalla Asl territoriale secondo quanto stabilito dal Ministero della Salute.

Inoltre gli enti formatori che possono erogare i percorsi devono essere in possesso dell’accreditamento regionale alla formazione. La sola qualifica di estetista non basta a poter effettuare dei trattamenti estetici di trucco permanente, e non possedendo le competenze necessarie non potrebbe essere in grado di applicare tali pratiche alla cliente.

 

 

I costi dell’avvio attività di trucco permanente

sito-web-trucco-permanente

I fattori da dover considerare e che possono incidere pesantemente sul costo dell’avvio attività di trucco permanente sono molteplici, molti dei quali riguardano il locale, dalla sua grandezza alla sua disposizione, oltre all’assunzione di personale specializzato, e il numero e la tipologia dei macchinari scelti per i trattamenti di trucco permanente.

Sicuramente avviare un’attività di trucco permanente non è economicissima, è fondamentale investire del capitale per poter allestire un locale che sia adeguato alla tipologia di professione esercitata. Indicativamente si potrebbe partire da un minimo investimento di 30.000€  fino a raggiungere o addirittura superare i 60.000€.

Tuttavia chi vuole avviare un’attività aprendo un centro estetico che si occupa di trucco permanente ma non ha a disposizione i capitali da dover investire, può informarsi sulla possibilità di richiedere agevolazioni della Regione o un finanziamento presso un ente creditizio.

Essendo un settore maggiormente femminile, potrebbe essere una grande opportunità per una professionista donna poter richiedere un finanziamento dedicato all’imprenditoria femminile. Ma per riuscire ad ottenere tale agevolazione è fondamentale che l’azienda abbia un fatturato annuo inferiore ai 7 milioni oltre ad assumere meno di 50 dipendenti, inoltre il titolare dovrà essere donna, il 60% dei soci dovranno essere donne.

Uno step fondamentale per l'avvio di un centro di trucco permanente è la messa online di un sito professionale ben indicizzato su Google per le principali key del sttore (ad esempio come truccopermanente.it). Il costo di un portale accattivante graficamente e soprattutto con tanto lavoro SEO per l'indicizzazione sui principali motori di ricerca, ha un costo che può aggirarsi intorno a qualche migliaia di euro.

 

Conviene avviare un centro di trucco permanente?

come-aprire-centro-trucco-permanente

Decidere se conviene o meno avviare un’attività nella propria città di trucco permanente dipende da vari fattori, ma è bene precisare che è un settore estetico che negli ultimi anni è cresciuto a dismisura nonostante la grave crisi economica.

Inoltre il trucco permanente garantisce ad ogni donna un aspetto gradevole senza dover utilizzare quotidianamente make up, una scelta estetica che permette anche di modificare possibili difetti estetici. Tutti i dettagli elencati fanno sì che l’avvio di un centro estetico che si occupa di trucco permanente sia la scelta professionale che molte estetiste specializzate in questo settore dovrebbero affrontare.

Una maggiore richiesta fa sì che i guadagni siano assolutamente garantiti, ma solamente la competenza e la professionalità devono essere le caratteristiche dell’azienda affinchè si possa ottenere il successo atteso.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest