• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come diventare autista ncc: requisiti, normativa, guadagni

 

Conosciuto comunemente come NCC, meglio inteso come noleggio con conducente è una forma di trasporto che ha riscosso negli ultimi anni un grandissimo successo. Basta pensare che  la stessa app Uber diffusa ormai in tutto il mondo ha quasi surclassato i tradizionali taxi cittadini.

Ma come diventare un autista ncc, quali requisiti e quali guadagni è possibile raggiungere?

Prima di proseguire ti consiglio la lettura della sezione dedicata a come avviare numerose altre attività imprenditoriali: vai qui!

 

 

Taxi/ NCC a confronto

come-diventare-autista-noleggio-auto-con-conducente-ncc

Prima di iniziare a capire quali possono essere i requisiti necessari per intraprendere una carriera come autista ncc è necessario effettuare un confronto tra il taxi e il noleggio con conducente. Nonostante siano simili le due professioni differiscono soprattutto per quanto riguarda la regolamentazione.

La prima significativa differenza è che la professione di NCC non può essere effettuato su strada, di conseguenza non possono essere utilizzati gli spazi delle apposite piazzole riservate alla sosta dei taxi. Ma il servizio viene prenotato tramite accordo a distanza, sia telefonico o via web grazie a portali come ad esempio nccluxury.it.

Ulteriore dettaglio è relativo alla tariffa del noleggio con autista che avviene assolutamente secondo le regole del libero mercato, tramite accordo tra conducente e passeggero. Non esistono delle tariffe da rispettare.

Ultimo dettaglio fondamentale che mette in luce le differenze tra il NCC e il taxi riguarda l’area di svolgimento dell’attività. Mentre i taxi possono circolare esclusivamente in determinate aree territoriali, il noleggio con conducente non ha limiti territoriali.

 

Autista NCC: cos’è e come funziona?

L’acronimo NCC sta per noleggio con conducente, ovvero un servizio di trasporto privato che solitamente si rivolge ad un’utenza generica, esclusiva per un solo cliente o più clienti. Una delle peculiarità del servizio NCC, a differenza dei taxi, è l’assenza durante le fasi di inattività del mezzo su strada, in quanto secondo normative europee i mezzi quando non sono in servizio devono necessariamente fare ritorno alla rimessa, ovvero la sede dell’attività.

Il servizio è disponibile su tutto il territorio italiano purchè alla fine ci sia l’opportunità di ritornare alla rimessa dell’auto al termine di ogni servizio. Inoltre solitamente quando si fa riferimento all’autista NCC si pensa esclusivamente ad un servizio taxi con automobile, ma non è assolutamente così dato che l’attività può essere svolta con diverse tipologie di veicolo, ad esempio furgoni adibiti al trasporto di persone disabili.

 

 

Regolamentazione noleggio con conducente

Secondo la regolamentazione europea dalla Legge- quadro del 15 gennaio 1992, n21 dedicata al trasporto di persone tramite autoservizi pubblici non di linea “Il servizio di noleggio con conducente si rivolge all’utenza specifica che avanza, presso la sede del vettore, apposita richiesta per una determinata prestazione a tempo e/o viaggio. Lo stazionamento dei mezzi avviene all’interno delle rimesse o presso i pontili di attracco”.

Ma secondo la legge sono delegati proprio i comuni e le regioni a delineare i vari aspetti dell’attività di noleggio con conducente.

 

Tutti i requisiti per intraprendere la carriera di autista NCC

come-diventare-autista-ncc

Per iniziare a lavorare come autista NCC è fondamentale essere in possesso di vari requisiti personali tra cui i requisiti tecnici, in quanto ogni aspirate autista NCC dovrà  essere in possesso della patente di guida per condurre autovetture e aver ottenuto il certificato di abilitazione professionale CAP.

L’aspirante autista NCC dovrà avere un età compresa tra 21 anni già compiuti e 55 anni non compiuti, non avere patologie che possano compromettere la capacità di guida e non avere carichi penali pendenti.

La certificazione di abilitazione professionale CAP può essere richiesta direttamente presso gli uffici della motorizzazione civile del proprio territorio. Per ottenere la certificazione è necessario presentare il modulo compilato nella sua interezza, oltre al versamento di diritti e imposte di bolle che dovranno essere allegati alla consegna del modulo.

Oltre ai moduli il richiedente dovrà inoltre allegare un certificato di salute emesso dal proprio medico curante abilitato ai certificati relativi alla patente di guida. Dopo aver consegnato tutti i documenti necessari sarà possibile sottoporsi ad un esame teorico che sarà svolto presso la sede della motorizzazione competente.

Ma l’ottenimento del solo CAP non è sufficiente a richiedere l‘autorizzazione per lo svolgimento dell’attività di autista NCC, è indispensabile inoltre presentare una domanda al proprio comune per collocare la sede dell’attività.

Solitamente sono proprio i comuni a indire dei bandi per realizzare delle graduatorie per gli autisti che hanno diritto ad ottenere l’autorizzazione richiesta. E solamente i conducenti inseriti in graduatoria possono inoltrare domanda di autorizzazione al proprio comune, che potrebbe non essere rilasciata a causa dell’elevato numero di richieste.

Prima di concedere l’autorizzazione il comune si preoccuperò di verificare che il conducente NCC sia in possesso di un mezzo idoneo, che ci sia una sede adeguata e conforme alla destinazione d’utilizzo, solo dopo aver analizzato tali requisiti sarà possibile ottenere l’autorizzazione per avviare l’attività di autista NCC.

 

Autista NCC possibilità di guadagno

noleggio-auto-con-conducente-ncc

La professione di autista nel nostro Paese negli ultimi anni è diventato un settore piuttosto ambito, sia nel caso di un autista privato sia come dipendente. Ma a quanto ammonta lo stipendio di un autista NCC?

La figura professionale descritta è di un autista privato che è riuscito ad ottenere una licenza NCC, ma riuscire a definire dettagliatamente il possibile guadagno percepito da tale figura professionale è pressoché impossibile, data la libertà dei pagamenti secondo quanto previsto dalla regolamentazione europea.

I guadagni di un autista NCC dipendono necessariamente dalla tipologia di clienti che si riescono ad intercettare tramite l’offerta di servizio taxi riservata ai clienti. Sicuramente però proprio grazie alle regolamentazione è possibile affermare che i ricavi sono nettamente superiori a quelli percepiti dai taxi, in quanto per gli autisti NCC non è d’obbligo sottostare alle tariffe previste dal servizio taxi.

Vari studi statistici hanno dimostrato che la professione di autista NCC sia particolarmente remunerativa, con stipendi che si aggirerebbero intorno ai 2.000€ mensili contro i 1.100€ percepiti da un semplice tassista.

Sono in molte a sostenere che la professione di autista NCC sia ormai arrivata al capolinea, ma molti altri sostengono invece che sia ad oggi una delle figure professionali più richieste, successo riscosso anche con l’avvento dell’applicazione Uber, servizio diffuso oramai in tutto il mondo.

Sembrerebbe invece che il noleggio con conducente sia la soluzione ideale per gli spostamenti soprattutto nelle grandi città  a vocazione turistica. Le grandi città dove i soli mezzi pubblici o taxi disponibili non riescono ad a rispondere alle troppe domande di servizi di trasporto.

 

 

Ma oltre ai guadagni percepiti è necessario prestare attenzione alla cifra degli investimenti iniziali per l’acquisto dell’auto o il veicolo da utilizzare, oltre ai costi fiscali.

Solitamente per i servizi di NCC vengono richieste auto di fascia alta, in ottimo stato e non troppo datate, di conseguenza è necessario valutare l’investimento iniziale per l’acquisto dell’automobile. Ulteriore spesa da dover affrontare è relativa all’acquisto o affitto della rimessa dell’automobile.

Ulteriore aspetto da non tralasciare sono i costi fiscali e gestionali dell’attività avviata, tenendo conto anche della tassazione che devono essere seguiti da una specifica fattura, e il versamento dell’INPS, e se presenti anche i costi dei dipendenti coinvolti nella gestione dell’azienda.

Prima di imbattersi in un’attività come l’autista NCC sarebbe ideale stilare un proprio business plan dettagliato con ogni voce relativa ai costi di investimento da effettuare, oltre ai costi di gestione dell’attività, in modo da poter valutare e ponderare le proprie scelte lavorative.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest