• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Bonus verde: cos'è, come funziona, detrazioni

 

Bonus verde 2018: cos'è e come funziona la nuova detrazione fiscale per balconi, giardini e terrazze

bonus-verde

Il bonus verde 2018 è una detrazione fiscale inclusa nell’ultima Legge di Bilancio, approvata nello scorso ottobre. Tra le diverse novità introdotte con la manovra legislativa, rientrano diverse agevolazioni di carattere “ecologico”, tra cui l’istituzione del bonus verde, la proroga per il bonus ristrutturazioni e per l’Ecobonus di condomini, abitazioni private ed edifici commerciali, e l’incremento della detrazione fiscale per la rimozione dell’amianto.

In particolare, il bonus verde prevede una detrazione per chi sostiene spese di allestimento e di manutenzione delle aree verdi relative a immobili di qualsiasi tipo, dai giardini, ai terrazzi, ai balconi privati o condominiali, compresa l’installazione degli impianti di irrigazione e le operazioni di recupero di aree verdi storiche.

E’ un’agevolazione molto conveniente soprattutto per i condomini, dove spesso i lavori di giardinaggio vengono evitati o rimandati perché considerati poco importanti, e perché cositituiscono un motivo di scontro tra i proprietari.

 

 

Come funziona il bonus verde 2018

bonus-verde-detrazione-balcone

Con decorrenza dal 1 gennaio 2018, il bonus verde è stato ufficializzato quale misura di tutela contro l’inquinamento e di supporto alle opere di florovivaismo. La detrazione prevista dal bonus verde riguarda i soggetti che investono una determinata somma per la sistemazione, la cura e l’allestimento di spazi verdi privati o condominiali e di giardini, per il recupero e il riallestimento dei giardini di interesse storico, e per la progettazione e installazione di impianti di irrigazione.

Il meccanismo del bonus verde è pari a quello di qualsiasi altro bonus o detrazione fiscale, quali possono essere l’Ecobonus, il bonus ristrutturazioni o le detrazioni relative all’acquisto di arredamenti ed elettrodomestici. Dal 1 gennaio di quest’anno, chiunque decida di sostenere una determinata spesa per la manutenzione e sistemazione del verde, o per la valorizzazione del verde storico, avrà diritto ad una detrazione fiscale pari al 36%. Questo significa che sarà possibile ottenere uno sconto Irpef al momento della dichiarazione dei redditi, per una spesa massima dell’importo di 5.000 euro da dividere in dieci quote annuali di pari importo. Ad esempio nel caso di una spesa di 5000€ per un impianto di irrigazione si potranno detrarre 1800€ suddivise in 180€ all'anno per dieci anni.

Poiché il bonus non viene applicato alla persona ma all’immobile stesso, nel caso di più interventi effettuati su edifici diversi, sarà possibile cumulare le detrazioni applicate ad ognuno di essi: ad esempio, il proprietario di due unità immobiliari, potrà arrivare a detrarre la percentuale del 36% di 10 mila euro.

 

Quando può essere applicato il bonus verde

bonus-verde-detrazione-terrazza

Il bonus verde 2018 spetta nel caso in cui si svolgano interventi di sistemazione di spazi e aree verdi di qualsiasi tipo di immobile, dai condomini, ai capannoni, agli edifici commerciali. Gli interventi possono interessare qualsiasi lavoro di allestimento di terrazzi, balconi privati e condominiali, giardini, parchi e aree verdi di interesse storico.

Le spese alle quali il bonus è applicabile possono riferirsi alla manutenzione e cura del verde condominiale, dei giardini e dei terrazzi o dei balconi condivisi o privati, al recupero e valorizzazione delle aree verdi di interesse storico, alla riqualificazione di prati e alla sistemazione di piante e arbusti, alla trasformazione di spazi incolti in aiuole e giardini.

Secondo quanto previsto dagli organi governativi, le detrazioni riguarderanno in gran parte la manutenzione degli spazi verdi di ville e palazzi prestigiosi e giardini storici. Inoltre, per quanto riguarda la manutenzione di terrazzi e giardini, il bonus verde 2018 viene applicato anche nel caso di spese dovute all’installazione, sostituzione e rifacimento degli impianti di irrigazione, alla sostituzione di siepi e alla riqualificazione delle aree verdi, ai lavori di potatura e alla fornitura di piante e arbusti.

Perché gli interventi possano godere dell’agevolazione fiscale, i pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico speciale (bonifico parlante).

 

 

Il metodo di pagamento per ottenere il bonus verde

Perché la richiesta di detrazione fiscale del bonus verde sia valida, è obbligatorio che i pagamenti dei lavori di riqualificazione e allestimento di spazi verdi e giardini siano effettuati tramite “bonifico parlante”. Questo significa che devono essere indicati tutti i dati del bonifico con la massima precisione. Uffici postali e banche dispongono di moduli predefiniti per effettuare i bonifici, e nel caso delle agevolazioni fiscali la legge impone che vengano indicati chiaramente la causale del pagamento con relativo numero della fattura, il codice fiscale del soggetto che richiede il bonus (o del condominio), l’eventuale P. Iva, i dati dell’azienda che si è occupata dei lavori. E’ importantissima la data, poiché la detrazione fiscale parte dal momento del bonifico. Il pagamento può essere effettuato anche tramite carta di credito o di debito, prestando attenzione a conservare la ricevuta.

 

Realizzare una deliziosa oasi naturale grazie al bonus

bonus-verde-impianti-di-irrigazione

Con il bonus verde ognuno può trovare un incentivo per trasformare un semplice terrazzo, un balcone, una mansarda o un piccolo giardino incolto in uno spazio verde piacevole, accogliente e rilassante. Adesso realizzare un impianto di irrigazione (su mondoirrigazione.it trovi maggiori informazioni sugli impianti di irrigazione) che farà rinascere il vostro giardino è molto più conveniente rispetto a prima.

Anche un terrazzo di dimensioni limitate, se la portata lo consente, può essere valorizzato dalla presenza di piccoli alberi da frutto, aceri rossi, noccioli e piante sempreverdi, da accostare ad un arredamento dall’atmosfera country. Un balcone poco illuminato può essere ravvivato da piante tropicali e rampicanti, e un piccolo terrazzo si trasformerà in un angolo evocativo con una scenografia in stile giapponese, grazie alla presenza di canne di bambù e pietre naturali. Per chi non abita ai livelli più alti, e non dispone di terrazzi panoramici, la detrazione diventa comunque utile per rimettere a nuove il balcone con vasi e fioriere, o per allestire la veranda trasformandola in uno spazio verde e rilassante.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest