• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come avviare un'impresa artigiana

 

Hai il dono di saper creare con le tue mani oggetti belli ed unici?

Vuoi che questa tua passione diventi un lavoro ed intendi avviare un'impresa artigiana?

Ovviamente, per realizzare il tuo sogno, devi ottemperare all'adempimento dell'iter burocratico previsto e predisporre tutta una serie di altri accorgimenti indispensabili.

Nulla di particolarmente difficile in realtà, basta fare le cose nel modo giusto.

Di seguito ti diamo le informazioni che ti servono e ti spieghiamo come avviare la tua impresa artigiana passo per passo. Prima però ti consiglio di spulciare la sezione del sito dedicata a come avviare molte altre attività imprenditoriali, questo per avere una visione a 360 gradi: leggi la sezione!

 

 

L'artigiano: chi è e cosa fa

aprire-impresa-artigiana

Si fa presto a dire artigiano!

Questa figura, nonostante sia diventata più rara dall'avvento dell'industrializzazione in poi, resta una fra le più nobili nell'ambito del mondo del lavoro.

Secondo quanto stabilisce la Legge quadro per l'artigianato (l.n. 443/1985), l'artigiano è colui che “esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare l’impresa artigiana, assumendone la piena responsabilità con tutti gli oneri e i rischi attinenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo”.

Dunque, come si evince facilmente, l'artigiano non deve soltanto gestire l'impresa ma esserne il centro pulsante, il motore, l'apice da cui tutto il resto emana.

Il fine dell'attività artigiana è la creazione di beni e la prestazione di servizi in cui l'intervento manuale, la creatività e le direttive impartite dall'artigiano sono imprescindibili.

 

Imprese artigianali, le categorie

come-aprire-impresa-artigiana

Forniamo adesso una lista delle categorie inerenti le imprese artigiane catalogate dalla Camera di Commercio Industria e Artigianato di Trento:

  1. Alimentari e affini;

  2. Carta - stampa arti grafiche;

  3. Edilizia;

  4. Estetica della persona;

  5. Estrattive - materiali edili;

  6. Ferro e leghe;

  7. Impiantistica;

  8. Legno e derivati;

  9. Meccanica;

  10. Oreficeria ed orologeria;

  11. Ottica e foto - foto incisioni;

  12. Pelli e cuoio;

  13. Prodotti chimici - materie plastiche - gomma;

  14. Servizi;

  15. Strumenti musicali;

  16. Tessili - abbigliamento;

  17. Trasporti;

  18. Vetro - ceramica - porcellana.

 

Impresa artigiana: caratteristiche principali

L'imprenditore artigiano è colui che dirige l'azienda artigiana, occupandosi sia dell'ideazione che della produzione dei manufatti.

La legge prevede che un artigiano possa essere il titolare di una sola azienda, nella quale, tra l'altro, il lavoro deve sempre prevalere sul capitale.

Vediamo quali sono gli step necessari per avviarne una.

 

Non possono costituire impresa artigiana:

- attività agricole;

- prestazioni di servizi commerciali;

- intermediazione nella circolazione dei beni;

- somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

 

 

Aprire un'impresa artigiana: iter burocratico

Siamo arrivati al "dunque": vediamo qual è la trafila burocratica da seguire per avviare un'attività artigianale.

 

Entro 30 giorni dalla data di inizio dell'attività stessa, è necessario che il soggetto interessato:

- richieda la Partita Iva presso l'Agenzia delle Entrate

- effettui l'iscrizione all'Albo delle Imprese Artigiane presso la Camera di Commercio Industria e Artigianato provinciale competente nella provincia nella quale l'azienda avrà la sua sede legale.

 

Una volta adempiute tali incombenze, si passa alla denuncia d'iscrizione all'INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione e Infortuni sul Lavoro), obbligatoria per gli artigiani, i soci, i collaboratori ed i dipendenti.

Ricordati di presentare la denuncia almeno 5 giorni prima della data di inizio attività.

Un discorso a parte merita la Scia, sigla che sta per Segnalazione Certificata di Inizio Attività; essa deve essere presentata obbligatoriamente prima che l'attività cominci, insieme alla Comunicazione Unica per l'iscrizione all'Albo, per alcune attività artigianali, ovvero impresa di pulizie, facchinaggio, impiantistica ed autoriparazione.

 

Aprire un'impresa artigiana: requisiti soggettivi

come-avviare-impresa-artigiana

Oltre alla regolare esecuzione dell'iter burocrativo previsto, per poter avviare un'attività artigiana la legge prevede che il futuro titolare sia in possesso di determinati requisiti tecnici e professionali, in mancanza dei quali non è possibile aprire l'azienda.

Alcune attività artigianali (ad esempio estetista), implicano che il titolare sia in possesso della necessaria preparazione in materia e ciò a tutela e garanzia degli utenti che usufruiranno dei suoi prodotti e/o servizi.

I titoli tecnici e professionali obbligatori, dipendono dal settore nel quale si andrà ad operare.

Come anticipato inoltre, l'imprenditore artigiano può essere il titolare di una sola impresa.

 

Impresa artigiana: limiti dimensionali

Le regole che stabiliscono i criteri in base ai quali si può avviare un'impresa artigiana non si fermano a quelli fin qui elencati.

Fra i requisiti richiesti all'imprenditore infatti, ci sono anche i limiti dimensionali così come previsti dall'articolo 4 della legge n. 443/85, la quale stabilisce che l'imprenditore artigiano può avere alle sue dipendenze un massimo di 22 persone per la produzione in serie.

 

 

Impresa artigiana: regole e limiti per la collaborazione dei familiari

La particolare struttura dell'impresa artigiana fa sì che il titolare, secondo quanto prevede la normativa in vigore, possa avvalersi, nell'esercizio delle proprie funzioni, anche della collaborazione dei familiari.

Questo tipo di imprese tuttavia, per poter esercitare nel rispetto della legge tale prerogativa, deve presentare relativa domanda all'Albo delle imprese artigiane.

Possono essere inclusi il marito /moglie, i figli, i nipoti, i fratelli e le sorelle, gli ascendenti e tutti i parenti entro il 3° grado e gli affini entro il 2° grado.

 

Impresa artigiana: consigli utili

come-avviare-impresa-artigiana-consigli

Dunque, sei proprio deciso a gettarti in questa avventura e vuoi dar vita alla tua impresa artigiana?

Bene, ma fai in modo di seguire i consigli che ti diamo di seguito, perché ti torneranno decisamente utili.

 

Allora ricordati di:

- winner mindset o mentalità del vincitore. Hai deciso di buttarti in questa nuova avventura, non sei da solo e dovrai interfacciarti con i soci ed i dipendenti, ed essi tra di loro. Raggiungere una mentalità da vincente sia per te sia per chi lavora vicino a te è fondamentale per raggiunger il successo. In tal caso ti consiglierei di reperire informazioni su corsi professionali portati avanti da professionisti del settore, nel caso ti suggerirei di spulciare il portale della prima community italiana di persone con un Mindset vincente, winneroriginal.com, ... non te ne pentirai!

- contabilità. Come vuoi gestirla? Se sei abbastanza ferrato in materia puoi farlo da solo facendo affidamento su un buon software, altrimenti ti conviene puntare su un contabile di esperienza. Sì, è vero, comporterà una spesa in più, ma ti toglierà un bel peso dalle spalle e garantirà conti sempre a posto, il che, di sicuro, non è poco;

- segui un corso di contabilità. Poiché tenere la contabilità è una delle mansioni più importanti (e noiose) all'interno di un'azienda, seguire un corso di contabilità di base rappresenta di certo un'ottima idea. Anche se sarà un'altra persona ad occuparsi specificamente di tale incombenza, è sempre meglio avere un minimo di competenza in fatto di gestione aziendale e finanziaria. Oltre ad un corso ad hoc, ti sarà utile leggere libri sull'argomento: puoi reperirli online o in libreria, dove sapranno anche consigliarti al meglio;

- internet. Oggigiorno è impensabile aprire qualsiasi attività senza avere un sito internet. Affida la creazione del tuo ad un bravo tecnico. Utilizza la rete come "vetrina" in cui esporre i tuoi prodotti, aggiornala di continuo e predisponi un modulo "contatti" per essere sempre reperibile nel caso eventuali clienti vogliano parlare direttamente con te per informazioni o altro. Predisponi la vendita in modalità online: costituirà un'opportunità in più;

- procurati lo spazio giusto. Dove dai forma alle tue idee? In casa, in garage, in giardino? Qualunque sia lo spazio che utilizzi, dividilo dal resto della casa. Se metti in piedi un'azienda artigianale, ciò che crei non è più solo un hobby ed una passione, ma un lavoro vero e proprio, pertanto comportati di conseguenza. Fai come se dovessi andare in ufficio, concedendoti una pausa pranzo e "staccando" ad un'ora ben precisa. Tieni separata la professione dalla vita privata: la casa in cui vivi ed il luogo in cui lavori devono essere una cosa distinta.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest