• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come avviare una startup

 

come-avviare-una-startup

Avete mai sentito parlare delle startup? Si tratta di una grossa opportunità per iniziare un'attività in proprio. Ai giorni nostri è possibile anche contare su fondi e finanziamenti che vi possono dare una mano ad aprire la vostra attività in proprio quasi senza soldi, o comunque con un basso capitale iniziale. Nonostante la crisi, sempre più persone scelgono di avviare una startup e di dar luce al loro sogno di creare un'attività in proprio. In questo articolo invece potrete leggere informazioni su come avviare svariate attività, dall'enoteca all'agenzia di consulenza.

 

 

Cosa sono le startup

Il termine startup indica un'impresa che si trova in una fase iniziale e quindi necessita di dare il via a tutti i processi organizzativi, come la ricerca del personale, l'acquisizione di tutti i fondi per garantire le risorse, oltre che l'organizzazione di ogni tipo di attività, dallo studio del mercato (le indagini) fino alla produzione ed addirittura, alla gerarchia interna.

 

L'aiuto alle startup

Le startup hanno sempre bisogno di una mano per farsi spazio nel mondo del lavoro e di conseguenza, non resta che chiedere il sostegno, da parte degli enti pubblici e degli istituti di credito per avviare un'impresa che sarà in grado di essere autonoma nel giro di pochi anni e soprattutto, potrà creare occasioni di sviluppo e di lavoro, non solo per chi l'ha creata ma anche per il personale che sarà assunto.

 

I vantaggi di una startup

startup-innovativa

Le startup sono delle attività che iniziano il proprio percorso, ma riescono ad avere dei processi più semplici, in quanto comunque non devono partire da un'azienda già in una fase intermedia, ma possono contare sul fatto di avere carta bianca, in quanto stanno muovendo il loro primi passi. Le aziende startup di solito hanno una struttura molto semplice e giovanile ed hanno, come scopo, quello di creare delle occasioni di lavoro, visto il particolare momento di crisi. Sono in grado di realizzare i sogni di gruppi di persone che credono ancora di poter mettere in campo un’offerta differente nel settore di competenza.

 

I primi passi per avviare startup

Ovviamente, come in tutte le altre attività, quando si decide di aprire una startup si deve procedere facendo un’analisi e un business plan della situazione e quindi prendendo in esame quali sono i costi da sostenere e tutte le procedure da seguire: solo così si potrà pianificare ogni attività per avviare la vostra startup.

 

 

Il business plan di una startup

Il business plan servirà per organizzare tutti i processi da seguire in modo tale da poter acquisire fin subito clienti e poi trovare quali sono i fondi per cercare di iniziare la propria attività. Sono disponibili numerose offerte, per i giovani soprattutto, che decidono di avviare una startup e di solito si tende a finanziare le startup che siano innovative in determinati settori. Infatti, le startup, devono sempre tener presente che, cercare la clientela è il primo passo da compiere per sviluppare il loro progetto. Uno dei primi fattori che bisogna tener presente quando si decide di avviare una startup è quello di affidarsi a un buon commercialista o un esperto del settore finanziario, che sia in grado di aiutarvi a reperire i finanziamenti o quantomeno ad organizzare sotto un punto di vista economico l'impresa che volete far partire.

 

La sede di una startup

C'è da dire che si può iniziare la propria attività, innanzitutto definendo una sede che deve essere scelta in base alle esigenze di clientela e di spazio, cercando anche di trovare qualcosa che contenga i costi, in quanto poi, oltre all'affitto e alle utenze, si dovrà tener presente anche la spesa per gli arredamenti, per il mantenimento e la manutenzione del locale.

 

Il capitale iniziale di una startup e i finanziamenti

Una volta prese in considerazione questa opportunità, poi, si deve scegliere il nome dell'azienda e proseguire con l'iter di tipo burocratico, tenendo presenti quali sono le spese. Non si può pensare di avviare una startup senza soldi, ma comunque la spesa iniziale potrebbe essere anche molto più contenuta di quello che si pensa. Oltre a iscrivere la startup a vari portali di crowdfunding per la raccolta fondi, va detto che i governi tendenzialmente cercano di aiutare le idee vincenti. C'è da dire che in Italia potrebbe essere neanche necessario un notaio per avviare legalmente il tutto.

E ancora, per trovare il capitale iniziale potrebbe entrare in campo un socio finanziatore oppure si potrebbe ascoltare il consiglio di un consulente finanziario, in merito alla possibilità di richiedere dei finanziamenti pubblici, di solito destinati a startup proposte e lanciate dai giovani, in settori innovativi e al di sotto di una determinata soglia dell'età. In questo articolo potete approfondire l'argomento "come investire in una startup".

 

Le possibilità di una startup

C'è però da sottolineare che tutti possono avviare una startup in maniera autonoma purché abbiano un'idea valida e soprattutto chiaro in mente quali sono i rischi e le possibilità che questa attività può comportare. Ci sono poi una serie di enti preposti e i cosiddetti incubatori di impresa che danno una mano alle startup per cercare di crescere in maniera sana ma è chiaro che iniziare non sarà facile ed è per questo che sarà giusto affidarsi ad esperti consulenti per proseguire nell'avvio della propria startup.

Una volta stabilito il progetto ed avendo le idee chiare, allora si dovrà pianificare ogni mossa e affidarsi a un consulente finanziario, così da potersi muovere in questo settore con molta facilità e garantendo la possibilità di successo a tutto il gruppo che ha deciso di iniziare insieme questa avventura.

 

Importanza del sito web della startup

avviare-startup

Il web gioca la parte del leone nell'avviare una startup, ma anche dopo quando è già a regime. Non solo per un discorso di far conoscere la nascente azienda, ma anche perchè molte startup innovative hanno come "midollo spinale" proprio il web o comunque sono connesse in qualche modo con la rete. C'è da dire che proprio sul web sono nati tanti portali di crowdfunding per la raccolta fondi per l'avvio di startup innovative. Ad esempio potrebbe essere interessante segnalare una startup recente come Yougenio, nato da una costola di Manutencoop (gruppo leader in Italia nel settore della manutenzione professionale). Altro non è che una piattaforma online innovativa nel suo genere che è nata per offrire servizi sia di pulizia sia di manutenzione domestica. L'utente in particolare ha la facoltà di prenotare direttamente online dal sito pagando con carta di credito per usufruire dello specifico servizio tra i tanti disponibili. Ebbene tale piattaforma è nata come startup, seguendo tutti i passi descritti in questo articolo e giocando soprattutto sull'innovazione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest