• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Bonifico internazionale

 

bonifico internazionaleOggi effettuare un bonifico internazionale è semplice come effettuarne uno da destinare ad una banca presente nei confini nazionali. I passi in avanti compiuti all’interno del sistema SWIFT e attraverso una maggiore omogeneità nelle procedure di lavorazione dei bonifici, hanno infatti reso più semplici ed economici i trasferimenti di denaro da e verso l’estero. Ma facciamo un piccolo passo indietro.
Consideriamo che per poter effettuare un bonifico dall’Italia verso l’Italia è sufficiente conoscere il codice IBAN del destinatario.

 

 

 

 

Cos’ è il codice IBAN

IBAN, che sta per International Bank Account Number, è appunto un numero di conto che identifica il rapporto bancario a livello internazionale. È, in altri termini, una coordinata bancaria conosciuta a livello internazionale che permette ai singoli istituti di credito di poter identificare in maniera univoca il rapporto del beneficiario, e poter pertanto accreditare le somme trasferite senza errori. Come abbiamo visto, il codice IBAN si compone per un numero variabile di caratteri, che possono giungere fino a 34. Fortunatamente per la nostra memoria, in Italia il codice IBAN è formato da "soli" 27 campi, che è tuttavia facile ricordare se si pensa che:
 

I primi due campi sono occupati dal codice paese, che per l’Italia è IT;

I successivi due campi sono rappresentati dal codice IBAN di controllo, due numeri che variano a seconda del numero di conto;

il quinto campo è occupato dal codice BBAN di controllo, un carattere alfabetico, anch’esso variabile a seconda del numero di conto;

i successivi cinque campi sono invece il codice ABI dell’istituto di credito gli altri successivi cinque sono il codice CAB, che identifica lo sportello dell’istituto di credito;

gli ultimi dodici caratteri, infine, rappresentano il numero di conto corrente.

Per effettuare un bonifico internazionale , il codice IBAN, però, non basta più. È necessario affiancare al primo codice il codice BIC, che sta per Bank Identifier Code (conosciuto anche come codice SWIFT), che identifica la banca nel mondo.

Il codice è di solito formato da un numero di caratteri compreso tra 8 e 11 campi, che possono contenere sia numeri che lettere. Inoltre, nei bonifici internazionali è necessario – come d’altronde per le operazioni di carattere nazionale – inserire sia il nominativo del beneficiario (comprensivo di indirizzo e domicilio) che una causale giustificativa della transazione.

 

Cos’ è il codice CRO

Altra sigla ricorrente nel mondo dei bonifici è il codice CRO. Questo , tuttavia, a differenza dei primi due, non è un codice necessario per effettuare l’operazione.

Il CRO (codice di riferimento dell’operazione) è infatti una sorta di “ricevuta” dell’effettuazione della transazione, diventando un codice che attesta l’avvenuto trasferimento di denaro. Il CRO consente successivamente all’istituto di credito di rintracciare tale operazione all’interno del sistema interbancario.

 

 

Info bonifici nazione per nazione

  bandiera-usa

Bonifico Germania           Bonifico USA

 

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest