• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come diventare insegnante

 

come-diventare-insegnante

Il posto fisso come sappiamo è ambito da molti, a maggior ragione quello attinente al mondo della docenza... ma non sono tutte rose e fiori! Per diventare professore di italiano e latino, matematica e fisica, storia e geografia, scienza e biologia dovrai sudare le fatidiche sette camicie!

Il percorso che ti porterà a diventare un docente è lungo e irto di ostacoli. Per diventare insegnanti bisogna seguire una serie procedure abbastanza complesse, nonchè partecipare a concorsi, aggiornarsi continuamente e tanto altro.

Intraprendere la carriera scolastica non è facile, in quanto essere nominato docente in Italia sembra essere diventato una sorta di rebus oppure di corsa ad ostacoli difficili da superare. In realtà, chi è molto motivato e vuole effettivamente intraprendere un'attività di docenza, è bene che inizi a seguire fin da subito una serie di corsi propedeutici che aiuteranno a raggiungere l'obiettivo desiderato.

È bene sottolineare che le regole e le normative di riferimento cambiano di anno in anno e quindi è opportuno documentarsi circa la validità delle stesse, in virtù dei continui mutamenti legislativi. Nel caso tu voglia ampliare di 360 gradi lo sguardo rivolto alla possibilità di intraprendere nuove attività lavorative ti forniamo il link per un articolo molto interessante sul tema: come avviare varie attività.

 

 

Come ottenere l'abilitazione all'insegnamento

ottenere-abilitazione-insegnamento

Per accedere alla professione di docente bisogna acquisire l'abilitazione all'insegnamento. Innanzitutto, si deve avere un titolo di studio che possa dare accesso ad una classe di concorso abilitante. Il titolo è necessario per partecipare a un concorso che vi permetterà di ottenere una cattedra.

Nello specifico, per ottenere l'abilitazione all'insegnamento per la scuola primaria, oppure per la scuola dell'infanzia, bisogna aver seguito il percorso accademico della laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria. Questo corso di laurea permette di ottenere in modo diretto l'abilitazione all'insegnamento per la scuola primaria e dell'infanzia. E' bene sottolineare che il corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria è a numero chiuso e prevede i test di accesso.

Per ottenere l'abilitazione all'insegnamento nella scuola di primo e secondo grado è necessario invece conseguire il Tirocinio Formativo Attivo, TFA ovvero un percorso annuale a cui si accede a numero programmato, che è possibile frequentare soltanto dopo aver conseguito la laurea magistrale. Per riuscire a rientrare in questa categoria sarà necessario però aver conseguito un titolo di studio di una specifica classe di concorso che abilita all'insegnamento. Il Tirocinio Formativo Attivo è stato l'unico modo per accedere ai concorsi per abilitazione insegnanti fino al 13 aprile 2017, ovvero quando il decreto legislativo 59 ha cambiato tutto. Infatti, a partire dal 2018, nell'ambito della norma “una buona scuola”, le norme di accesso per coloro che vogliono diventare insegnanti della scuola secondaria sono state modificate.

 

Come diventare professore nella scuola secondaria

Per diventare insegnanti della scuola secondaria sono cambiate le norme a partire dal decreto di attuazione della legge 107 del 2015, la cosiddetta “buona scuola”. Infatti dal 2018, per divenire docenti bisogna aver superato un concorso pubblico Nazionale indetto ogni due anni su base regionale oppure interregionale. Bisogna anche aver conseguito la laurea magistrale oppure quella ciclo unico e attestare 24 crediti formativi nelle discipline antropologiche e psicopedagogiche. Una volta superato il concorso, bisogna seguire un percorso triennale di formazione iniziale e poi quello di inserimento nella funzione docente, il cosiddetto percorso FIT. Dopo il primo anno di percorso Fit si consegue il diploma di specializzazione.

Nel corso del secondo e del terzo anno, invece, si potrà ottenere la preparazione professionale fino ad ottenere la nomina ufficiale di insegnante. Nel corso di questo triennio formativo sarà già possibile insegnare, ma la retribuzione crescerà giorno dopo giorno. Soltanto quando si sarà conseguita la nomina finale si avrà lo stipendio pieno. Infatti, la supplenza che viene svolta nel terzo anno del percorso triennale di formazione iniziale, può essere considerata come un anno di prova necessario prima di prendere effettivamente il ruolo come docente. Finito questo percorso, i docenti potranno finalmente avere un incarico presso la scuola dell'ambito territoriale che è stato scelto nella sede di concorso.

 

 

Come cambiano le classi di concorso

come-diventare-professore

Le classi di concorso sono cambiate naturalmente nel corso della nuova normativa per accedere all'insegnamento. Sul portale ufficiale del Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca è possibile avere tutte le informazioni in merito a quelle che sono le classi di concorso che permettono di accedere direttamente al bando per diventare insegnanti. Nel 2016, con il decreto del Presidente della Repubblica numero 19, siglato il 14 febbraio, sono state cambiate numerose classi di concorso tanto è che si è avuto un aggiornamento e alcune sono state accorpate. Ciò anche perché il numero delle classi è passato da 168 a 114, aggiungendo 11 nuove classi specifiche di concorso. Le novità nella suddivisione delle classi riguardano gli indirizzi di moda, di grafica, di comunicazione, di musica e di calzature per cercare anche di dare risposta alla nascita dei licei coreutici e musicali. Una grande novità è la nascita della classe di laurea per accedere a concorso, relativa a teorie e tecniche della comunicazione digitale.

 

Le procedure per diventare insegnante di sostegno

Per diventare insegnante di sostegno ci sono due diverse strade che è possibile percorrere. Per chi vuole diventare insegnante di sostegno nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria, serve avere il titolo di specializzazione in pedagogia e didattica speciale per le attività di sostegno didattico e inclusione scolastica. Il corso dura un anno e viene attivato dal ministero.

Invece chi vuole seguire questo ruolo nella scuola secondaria, allora dovrà effettuare il concorso e fare il percorso di inserimento Fit, poi potrà avere l'assunzione come insegnante di sostegno nella scuola secondaria a tempo indeterminato.

 

Il percorso per diventare insegnante di religione

Per diventare insegnante di religione è necessario avere il titolo accademico in teologia o in altre discipline ecclesiastiche che siano state approvate dalla Santa Sede o in facoltà approvate dal Vaticano. Inoltre, sarà necessario avere anche un attestato che certifichi il corso di studi teologici, una laurea magistrale in scienze religiose conseguita presso un istituto superiore di scienze religiose approvato dalla Santa Sede. Nelle scuole dell'infanzia e nelle primarie, l'insegnante di religione può essere anche un sacerdote, un diacono religioso oppure insegnanti che hanno i titoli richiesti dall'accesso alla scuola secondaria.

 

Messa a disposizione, cos'è: chi può presentare la domanda?

come-diventare-docente

Per chi ha ottenuto l'abilitazione all'insegnamento o per chi sta seguendo ancora il percorso necessario per questo tipo di carriera scolastica è possibile fare anche una domanda di messa a disposizione. La messa a disposizione è detta anche Mad ed è uno strumento previsto dalla normativa scolastica in modo tale da candidarsi in uno specifico plesso per delle supplenze brevi oppure annuali, per corsi di recupero invernali oppure estivi in ogni scuola d'Italia. Per redigere un Mad è necessario conoscere la scuola di appartenenza e presentare tutti i propri titoli e il curriculum, in modo tale da riuscire per garantirsi l'accesso presso un plesso che potrebbe aver bisogno del vostro aiuto (puoi approfondire su www.voglioinsegnare.it). Tutti coloro che vogliono candidarsi per una supplenza come docente, assistente tecnico, assistente amministrativo, collaboratore scolastico, possono inviare la propria domanda di messa a disposizione.

 

La preparazione per il concorso da insegnante

La preparazione del concorso da insegnante è molto importante perché sarà la base da cui partire per intraprendere la carriera scolastica. In generale, bisognerà sostenere due prove scritte, un colloquio orale ed in più sarà anche necessario acquisire una serie di competenze disciplinari utili per dimostrare la propria preparazione nelle discipline di insegnamento. Il concorso per ottenere una cattedra solitamente si rifà a discipline antropologiche e psico-pedagogiche, oltre che alle metodologie e tecnologie di tipo didattico.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest