• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Quanto costa?

 

quanto-costa

Spesso si sente dire quanto costa e cosa offre, mi costa un occhio della testa, mi costa uno sproposito, mi costa una cifra, mi costa poco o niente. Tutto questo ci fa capire che ogni cosa ha un prezzo più o meno congruo e che la gente prima di fare un acquisto vuol essere informata per non dover pagare ciò di cui ha bisogno molto più del dovuto. Quindi è fondamentale l'informazione preventiva per non essere buggerati. Infatti un prezzo basso non sempre è conveniente rispetto ad un altro con costo più alto perché il secondo potrebbe offrire una qualità migliore o un risultato finale di gran lunga più conveniente. Nello stesso modo la stessa cosa, con la stessa qualità e risultato finale, può avere prezzi diversi a seconda di chi te la offre. Quello che si vorrebbe avere è una guida che chiarisca il costo  di una determinata cosa valutandone ogni aspetto che ne determinerà il costo finale. Per capire meglio quanto detto trattiamo i casi più comuni  che ci possono interessare. In questo articolo troverete una risposta alla domanda "Quanto costa?" un qualunque servizio, un oggetto, l'ottenimento di un documento; il tutto suddiviso per categorie per facilitare la lettura. Ovviamente parliamo di prezzi medi da prendere con le molle, ben sappiamo che i fattori che incidono sul costo sono tanti e differenti.

 

 

Quanto costa: CASA

 

Quanto costa costruire una villa

quanto-costa-costruire-una-villa

Per costruire una villa da utilizzare come propria abitazione è necessario prima di tutto definire l’investimento che si ha a disposizione, scegliere ed acquistare il terreno dove sarà costruita la villa (se non si dispone di un terreno idoneo), la tecnologia che si vorrà utilizzare, il tipo di materiali da acquistare e lo stile con cui la villa verrà realizzata.

Se il terreno è già di proprietà le spese da affrontare sono il costo di edificazione più il guadagno del costruttore, oneri e contributi da pagare al Comune di appartenenza, spese tecniche ed eventuali mutui da richiedere alla banca se non si dispone dell’intera cifra necessaria. Cominciamo dal costo del terreno edificabile.

Questo varierà a seconda del Comune, della posizione rispetto al centro dello stesso, della vicinanza dei servizi e degli allacci e della panoramicità dell’area dove è ubicato il terreno. Il costo del terreno incide, normalmente, dal 20% al 30% del costo totale. Una volta che si è in possesso del terreno bisogna incaricare un tecnico abilitato della redazione di un progetto da presentare al Comune e al Genio Civile per avere il permesso di costruzione. Il costo medio della parcella del tecnico varia tra l’8% e il 12%. Per quanto riguarda i contributi per il Comune bisogna pagare gli oneri di urbanizzazione e un contributo di costruzione per ottenere il rilascio del permesso di costruire. Questi importi variano da Comune a Comune ed è necessario verificarli recandosi al Comune di appartenenza.

Per quanto riguarda la tecnologia costruttiva che si vorrà utilizzare si dovrà tener conto del tipo di costruzione come per esempio costruzione antisismica o a risparmio energetico che determinerà un aumento del costo ma in prospettiva una sicurezza e un risparmio nel tempo per chi ci abiterà. Importante è anche l’accessibilità al cantiere, la qualità delle finiture che si vorranno realizzare e la tipologia degli impianti tecnologici da installare. Se non si dispone della cifra necessaria per coprire tutte le spese è necessario accendere un mutuo presso una banca che sarà restituito pagando rate mensili che variano a seconda del tipo di mutuo (tasso fisso o tasso variabile) e a seconda degli anni in cui verrà restituita la somma ottenuta. Non esiste dunque un costo fisso, le variabili sono tante, meno di 100.000€ per innalzare una piccola villetta non potrete non spenderli.

 

Quanto costa costruire una casa

quanto-costa-costruire-una-casa

La differenza tra costruire la propria casa o acquistare una casa già pronta è notevole soprattutto se si fa il paragone tra la convenienza economica e il risultato finale tra il primo e il secondo caso. Acquistare una casa già pronta permette di vedere il risultato finale e quindi capire se soddisfa le proprie necessità. Nel secondo caso è possibile far progettare da un tecnico abilitato una casa antisismica, la disposizione e la grandezza delle varie stanze, i materiali di costruzione da utilizzare scegliendo prodotti che consentano il massimo risparmio energetico, la presenza o meno di un box , utilizzo di sistemi autonomi che permettono di produrre energia elettrica e acqua calda.

Il primo caso è la soluzione più comoda, ma è la meno controllabile perché non è possibile sapere esattamente quali materiali sono stati utilizzati  mentre nel secondo caso si è a conoscenza di tutto ciò che è stato usato. Nel primo caso la casa è disponibile subito nel secondo caso è necessario aspettare il tempo per la costruzione. Se si opta per la seconda opzione è necessario comprare il terreno edificabile, far fare il progetto da un tecnico abilitato, presentarlo alla commissione edilizia del comune di pertinenza e dopo l’approvazione del progetto farsi fare i preventivi da ditte specializzate. Il costo per una casa media di 100mq varia dai 200.000-300.000€ ai 450.000€ e oltre a seconda se si è già proprietari del terreno o meno.

 

Quanto costa ristrutturare una casa

quanto-costa-ristrutturare-casa

Per ristrutturare una casa di circa 100mq bisogna pagare da 20.000 a 100.000€ a seconda di ciò che si vuol fare e del materiale da utilizzare. Per interventi di ristrutturazione casa si intendono  ristrutturazione di interni, ristrutturazione di esterni, isolamento termico, eventuale impianto fotovoltaico o solare termico, nuovi infissi, porte interne, cancelli automatici, videosorveglianza, impianti di allarme, depuratori d’acqua, impiantistica di riscaldamento e nuovo impianto elettrico. E’ possibile procedere ai lavori di ristrutturazione effettuando presso gli Enti preposti la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) in base all’art. 22 comma 3 del DPR 380/01. Prima di iniziare la ristrutturazione è necessario di dare incarico ad un tecnico di fiducia che operi come direttore dei lavori. I costi variano a secondo di dove è ubicato l’immobile e della ditta che si contatta per realizzare i lavori anche se è sempre meglio utilizzare una ditta sicura e nota per la serietà del suo lavoro. E’ utile farsi avere più preventivi da più ditte e valutare le diverse offerte.

Il costo della ristrutturazione varia a seconda di ciò che si vuol ristrutturare e dalla metratura dell’immobile. Per abbattere e ricostruire tramezzi la spesa è mediamente di 60-70€ al mq. Per le porte circa 150€ ciascuna, mentre la porta blindata intorno ai 1.000€. Per i pavimenti tra acquisto mattonelle e posa in opera circa 30 € al mq. Per l’impianto del gas  il costo varia dai 3.000 ai 5.000 € e per i condizionatori da 400 in su compresa installazione.

 

Quanto costa ristrutturare una villa

quanto-costa-ristrutturare-una-villa

Ristrutturare una casa indipendente di vecchia costruzione e su più livelli comporta il rifacimento dell’intonaco e pitturazione pareti e soffitti, isolamento termico, rifacimento infissi interni ed esterni, abbattimento ed eventuale spostamento muri, eventuale spostamento caminetti, rifacimento bagni, eventuale spostamento impianti cucina ed eventuali controsoffitti per illuminazione ad incasso. Il costo complessivo è in funzione del materiale che si vorrà usare e del tipo di ristrutturazione necessaria. Come per la ristrutturazione di una casa ristrutturare completamente una villa può costare da 20.000€ fino a oltre 100.000€.

 

Quanto costa imbiancare casa

quanto-costa-imbiancare-casa

Imbiancare casa non ha un costo eccessivo, ma bisogna trovare un professionista che usi prodotti di qualità per ottenere risultati durevoli nel tempo.

Il costo varia a seconda delle diverse tecniche di imbiancatura utilizzate come: tempera, idropittura, smalto, spugnatura, velatura, graffiatura o stucco veneziano. I costi variano da circa 5-10€ a mq fino a 40-50€ a mq.

 

Quanto costa mantenere una piscina

quanto-costa-mantenere-una-piscina

Per mantenere in perfetta efficienza una piscina bisogna effettuare il reintegro dell’acqua che evapora per effetto del calore estivo con un costo di 2-3€ al metro cubo, pulizia della vasca per mantenere il PH tra 7,2 e 7,4 acquistando un kit che costa una quindicina di euro, ricircolo idrico che consiste nell’aspirare, filtrare e reimmettere l’acqua nella vasca, lavaggio dei filtri e disinfezione dell’acqua per un costo trimestrale di circa 300-400€.

 

Quanto costa: ANIMALI

 

Quanto costa una mucca

quanto-costa-una-mucca

Il costo di una mucca varia in funzione della razza, dall’azienda di provenienza e dell’età. Le Camere di Commercio provinciali e gli organi zootecnici stabiliscono settimanalmente mensilmente un tariffario minimo e massimo ma orientativamente il costo delle mucche da latte si aggira tra il migliaio di euro e qualche migliaio di euro.

 

Quanto costa mantenere un cane

quanto-costa-mantenere-un-cane

Premesso che i costi sono variabili da città a città è difficile preventivare quanto si spenderà per mantenere un cane. Quello che è importante   far capire a chi vuol adottare un cane è che non vive solo di coccole e passeggiate ma ha bisogno di cure veterinarie e di alimentazione corretta. Innanzi tutto per azzerare il costo d’acquisto del cane è preferibile adottarlo prendendolo dal canile.

Al contrario se una persona vuole un cane di razza il costo può raggiungere i 5.000€ se è figlio di campioni. Per quanto riguarda l’alimentazione è preferibile comprare quelli di una marca affidabile con un costo di 3-4 € al kg. Il cane  ha bisogno di un paio di visite veterinarie all’anno del costo medio di 20-30€ a visita più vaccinazioni, protezioni da pulci e zecche, vaccini ed eventuale microchip per un totale annuo di circa 700-1000 €.

 

Quanto costa mantenere un gatto

quanto-costa-mantenere-un-gatto

Le spese che bisogna affrontare  una sola volta sono la cassetta igienica, la ciotola e la sterilizzazione mentre le spese quotidiane o periodiche sono il cibo, la lettiera, la visita del veterinario e prodotti per la copertura antiparassitaria. Tutto questo porta la spesa a circa 40-60 € mensili. Un costo annuale per mantenere un gatto che quindi che si aggira intorno alle 500-700€.

 

Quanto costa mantenere un cavallo

quanto-costa-mantenere-un-cavallo

Le variabili per comprare e mantenere un cavallo sono tante. Il prezzo di acquisto dipende dal tipo di cavallo (da qualche centinaio a oltre 20.000€ ed oltre per i migliori cavalli di razza) mentre la spesa per l’attrezzatura per il grooming (materiali per strigliare e pulire il cavallo), i finimenti, le coperte e i prodotti per la cura dell’animale portano ad un investimento iniziale di circa 1.000 €.

Poi si passa alle spese di routine come la pensione in maneggio (da 250 € in su) che comprende cibo, acqua, riparo e cure principali ed eventuali lezioni di equitazione. Se si vuol risparmiare, si può affittare solo il box e provvedere direttamente alla gestione quotidiana del cavallo. Altra spesa è quella del maniscalco ogni due o tre mesi e quella del veterinario. Ogni anno va fatta la tessera annuale di associazione che include l’assicurazione per gli infortuni del cavaliere se si vuol partecipare a gare o uscire in passeggiata a cavallo.

 

Quanto costa sterilizzare un cane

quanto-costa-sterilizzare-un-cane

Sterilizzare un cane è per molti veterinari un vantaggio per l’animale perché con la sterilizzazione si ha un aumento della vita del cane e un miglioramento della sua salute, riduzione di contrarre diverse patologie e per i proprietari di cani di sesso femminile la sicurezza di non aver a che fare con cucciolate numerose. I costi di una sterilizzazione variano tra i 150 e i 250€ per i cani di sesso femminile e un po’ di più per quelli di sesso maschile.

 

Quanto costa sterilizzare un gatto

quanto-costa-sterilizzare-un-gatto

L’intervento di sterilizzazione dei gatti è un intervento di routine. Ha effetti positivi sugli animali perché riduce l’insorgenza dei tumori e pericolose malattie che  gatti potrebbero contrarre sessualmente. Sterilizzare un gatto maschio costa tra gli 80 e i 150€ mentre per un gatto femmina costa tra i 100 e i 180€. Si consiglia di far fare l’intervento intorno al  sesto mese d’età.

 

Quanto costa: TECNOLOGIA & SMARTPHONE

 

Quanto costa iPhone 5

quanto-costa-iphone5

L’iPhone 5 fu presentato per la prima volta nel 2012. Nel 2013 fu presentato l’iPhone 5s e l’iPhone 5c. Successivamente nel 2014 sono stati messi in vendita   iPhone 6 e iPhone 6Plus , nel 2015 iPhone 6s e 6sPlus. Nel 2016 iPhone 7 e 7Plus e nel 2017 iPhone 8, iPhone 8Plus e iPhone X. IPhone 5 e iPhone 5s costano rispettivamente nel mercato dell'usato intorno ai 200€ e 250€. La nuova versione iOS 11 dell’OS Apple non è supportata dai modelli precedenti iPhone 5s per cui i possessori di iPhone 5 e iPhone 5c saranno costretti a cambiare smartphone se vorranno sfruttare al meglio tutte le funzioni.

 

Quanto costa l’iPhone 6, iPhone 6Plus, iPhone 6s e iPhone 6sPlus

quanto-costa-iphone6

L’iPhone 6 e l’iPhone 6Plus sono due smartphone della Apple successivi all’iPhone 5 e rispetto a questo hanno rispettivamente uno schermo di 4,7” e 5,7”che corrispondono a 120 e 140 mm. I loro costi nel mercato parallelo dell'usato si aggirano tra i 300 e i 350€. Hanno anche una telecamera migliore ed LTE e Wi-Fi più veloci. A settembre 2015 con la messa in vendita dell’iPhone 6s e dell’iPhone 6sPlus le versioni da 128 GB venne rimosse dal mercato e nel 2016 con l’avvento di iPhone 7 e iPhone 7Plus tutti gli iPhone 6 e 6Plus non vennero più prodotti. I prezzi di listino dell’iPhone 6s partono da  549€  per l’iPhone 6s 32GB e partono  da 659€ per iPhone 6sPlus.

 

Quanto costa l’iPhone 7 e l’iPhone 7Plus  

quanto-costa-iphone7

I prezzi di listino dell’iPhone 7  da 32GB è di 659€ mentre quello da 64 Gb  costa 769€. L’iPhone 7Plus va da 799€ a 909€.

 

Quanto costano iPhone 8, iPhone 8Plus e iPhone X

quanto-costa-iphone8

I prezzi di listino dell’iPhone 8 a seconda delle versioni da 64 GB a 256 GB variano da 839 a 1009€ , per iPhone 8Plus da 949 a 1119€ e per iPhone X da 1189 a 1359€.

 

Quanto costa Apple Watch series 3

quanto-costa-apple-watch3

Apple Watch series 3 con connettività cellulare integrata permette al possessore di restare sempre connesso, telefonare e ricevere messaggi anche se non si ha a portata di mano l’iPhone. Se l’utente esce per una corsa o va a fare una nuotata in piscina con Apple Watch series 3 permette  di tenere sotto controllo salute e fitness utilizzando funzioni di allenamento intelligenti e anche nuotare essendo resistente all’acqua fino a 50 metri. E’ dotato di un nuovo altimetro barometrico che misura l’altitudine relativa. Apple Watch series 3 è disponibile in due modelli entrambi dotati di un processore Dual-Core  uno dotato solo di GPS e l’altro di GPS e connettività cellulare. I prezzi variano   per series 3 GPS e series 3 GPS e connettività cellulare a partire da € 379 in su.

 

Quanto costa il bimby

quanto-costa-il-bimby

Il bimby TM5 è un robot da cucina che permette funzioni avanzate di cottura che consentono di preparare in modo automatizzato alcuni piatti utilizzando comandi touch screen ed un sistema di gestione delle ricette innovativo. E’ un robot  che trita, impasta, pesa elettronicamente e cuoce realizzando molte pietanze. Il suo prezzo di listino è di 1.200€.

 

 

Quanto costa: MEDICINA

 

Quanto costa la pulizia dei denti, curare una carie ed estrarre un  dente

quanto-costa-dentista

E’ necessario curare la carie prima possibile perché se la carie inizialmente non crea grossi fastidi col passare del tempo si rischierà di dover intervenire non per una semplice otturazione, ma per una devitalizzazione e ricostruzione del dente o addirittura per l’estrazione dello stesso.

Infatti se non si cura la carie anche se piccola, i batteri che l'hanno causata  potranno raggiungere la polpa determinando la necessità di interventi più invasivi e costosi. Questo vale sia negli adulti che nei bambini. Le otturazioni hanno un costo che varia tra 50€ o più a seconda dell’entità della carie e della località geografica dello studio dentistico. Se si vuol fare la pulizia dei denti il costo  si aggira intorno  ai 50/70€. Un’estrazione dai 70€ fino a 150€  a seconda della difficoltà dell’estrazione.

 

Quanto costa togliere un neo

quanto-costa-togliere-un-neo

Prima di togliere un neo è necessaria la visita del dermatologo ed eventualmente un esame istologico per capire se la rimozione è necessaria oppure se è solo un problema estetico. Se il neo è un melanoma l’asportazione è coperta dal servizio sanitario nazionale. Se invece è un neo senza complicazioni toglierlo comporta spendere il ticket di circa 30€ se ci si rivolge ad una struttura pubblica, se invece si utilizza una struttura privata il prezzo aumenta arrivando anche a 200€.

 

Quanto costa un tatuaggio

quanto-costa-un-tatuaggio

Il costo del tatuaggio dipende dalla fama del tatuatore, dalle dimensioni del tatuaggio e dalla qualità dell’inchiostro utilizzato. Il prezzo varia dai 50-80€ fino ad arrivare ai 500-700€ per un tatuaggio grande, colorato e complesso. E’ importante, prima di effettuare il tatuaggio, essere pienamente coscienti di quello che si sta facendo perché il tatuaggio rimarrà per tutta la vita.

 

Quanto costa togliere un tatuaggio

quanto-costa-togliere-un-tatuaggio

Togliere un tatuaggio oggi è possibile grazie all’uso dei laser Q-switched e dei laser Pico (tecnologia a picosecondi) di ultima generazione. Ogni trattamento laser, realizzato da medici altamente specializzati, dura tra i 10 e i 30 minuti ma sono necessarie dalle 3 alle 8 sedute per ottenere i risultati sperati. Inoltre tra un trattamento e l’altro bisogna aspettare circa un mese per permettere alla pelle di riprendersi dallo stress subito. I costi variano tra 150-250€ a seduta in base alla strumentazione utilizzata e alle spese previste dalla clinica.

 

Quanto costa un trapianto di capelli

quanto-costa-il-trapianto-di-capelli

Il trapianto di capelli può essere fatto con la tecnica FUT e con la tecnica FUE. La prima consiste nel prelevare una striscia di cuoio capelluto dall’area donatrice (generalmente la nuca) che viene suturata. Per fare questo tipo di prelievo non è necessario radere tutta l’area donatrice. Una volta ottenuta la striscia da questa vengono estratte le unità follicolari riducendo al minimo il traumatismo delle unità follicolari per cui si possono avere altissime percentuali di attecchimento.

Con la seconda tecnica di autotrapianto si prelevano direttamente dall’area donatrice le unità follicolari con bisturi circolari molto piccoli vengono mantenute in un liquido speciale e successivamente  trapiantate nella zona calva. Si riescono a trapiantare da 4.000 a 5.000 radici.

Con la tecnica FUE le percentuali di ricrescita dei capelli sono più basse rispetto alla FUT. Il costo per l’autotrapianto dei capelli si aggira dalle 2.500€ in su (anche 10.000€) a seconda dei numero di capelli trapiantati. Si può risparmiare recandosi per esempio ad Istanbul dove il costo dell’intervento è di 1500 - 2.000€ per un trapianto di circa 4000 bulbi.

 

Quanto costa rifarsi il naso

quanto-costa-intervento-al-naso

La rinoplastica è la procedura chirurgica che permette di modificare la forma, la dimensione e la funzionalità del naso. L’intervento si può realizzare  al termine dello sviluppo osseo cioè dopo i 15 anni. Il costo di un intervento di rinoplastica dipende dal difetto da correggere, dalla complessità dell’intervento e dalle condizioni di partenza. Mediamente il costo si aggira da 4.000 a 7.500€ comprendendo la parcella del chirurgo, la parcella dell’anestesista, la degenza in clinica e le medicazioni post operatorie. Si possono spuntare anche prezzi più bassi ma è sempre meglio fidarsi di strutture note e di sicuro affidamento. Si può realizzare l’intervento anche proponendo alla struttura medica il pagamento  rateale.

 

Quanto costa il test di gravidanza

quanto-costa-test-di-gravidanza

Il test di gravidanza fai da te è un test diagnostico da fare in pochi minuti per capire se la donna è in stato di gravidanza o meno. L’affidabilità è del 99% e il test va fatto dopo il decimo giorno di un rapporto non protetto o non prima del terzo giorno di ritardo delle mestruazioni. In farmacia si trova al prezzo di 12-20€ a seconda che si tratta di un test a stick o digitale. Con il test a stick si ha risultato positivo se sulla striscia a contatto con l’urina compaiono due strisce colorate. Nel test digitale compare la scritta “incinta” o “non incinta”.

 

Quanto costa abortire

quanto-costa-abortire

In Italia la legge 194 consente l’interruzione volontaria di gravidanza  che può essere fatta fino alla dodicesima settimana di gestazione. Questo vale per l’aborto volontario, ma non per l’aborto terapeutico che può essere fatto anche oltre il terzo mese di gestazione se ne sussistono le condizioni. La decisione di abortire è sempre motivo di gran discussione perché si interrompe la vita di chi è in grembo. Quindi dopo la visita che si può effettuare in una struttura pubblica, se la decisione della gestante è quella di procedere all’interruzione volontaria di gravidanza è necessario attendere un periodo di riflessione di almeno sette giorni. Sia nel caso di aborto volontario che terapeutico le prestazioni sono gratuite ed erogate dal servizio sanitario nazionale. E’ possibile abortire in una clinica privata e i costi, in questo caso, vanno dai 900 ai 1.500€ in funzione della clinica dove si effettuerà l’intervento.

 

Quanto costa rifarsi il seno

quanto-costa-intervento-al-seno

Il desiderio delle donne è di avere un bel seno che  può essere ottenuto con la tecnica della mastoplastica additiva, se lo si vuol aumentare, o con la mastoplastica riduttiva se lo si vuol rimpicciolire. I prezzi della mastoplastica additiva variano in base a diversi fattori come avere un seno pieno, riposizionare i capezzoli o eliminare il problema delle smagliature. Il prezzo è comprensivo di visite pre-operatorie, intervento, parcella del chirurgo, parcella dell’anestesista, medicazioni e controlli post operatori. Il costo dell’intervento varia dai 4.000 agli 8.000€ in funzione della clinica prescelta, della tipologia della protesi, dell’onorario dei medici e del periodo in cui è programmato l’intervento perché in alcuni periodi dell’anno le cliniche possono fare degli sconti. Gli interventi possono essere pagati a rate se si è autorizzati dalla finanziaria a cui ci si deve rivolgere.

 

 

Quanto costa: SERVIZI - BUROCRAZIA

 

Come spedire un pacco e quanto costa spedirlo

quanto-costa-spedire-un-pacco

Spedire un pacco in modo veloce, sicuro e con la massima semplicità è possibile da casa propria, dall’ufficio con corriere espresso o recandosi presso le Poste. Se si vuol inviare un pacco online ad esempio con la società SpedireAdesso s.r.l.s.,  una volta preparato il pacco che si vuole inviare (bisogna ricordarsi che non può contenere oggetti pericolosi che sono vietati in una spedizione) si dovranno mettere sul modulo online i dati del mittente (indirizzo da cui partirà il pacco, il recapito telefonico, l’indirizzo mail, la data di ritiro del pacco) e i dati relativi al destinatario (generalità, indirizzo stradale, indirizzo mail e recapito telefonico). Inseriti i dati si procederà al pagamento che sarà fatto anticipatamente utilizzando la carta PayPal o la carta di credito e gli eventuali dati di fatturazione se si ha bisogno della fattura. Entro un’ora dall’ordine sarà inviata l’etichetta di spedizione che si dovrà stampare e porre sull’esterno del pacco in maniera ben visibile. Il giorno scelto per il ritiro il corriere espresso verrà a ritirare il pacco per portarlo alla spedizione. Il costo della spedizione in Italia è di 9,90 € per pacchi fino ad un kg , 16,90 € per pacchi fino a 30 kg per arrivare a 18,90 € per pacchi fino a 50 kg. Per spedire in paesi europei o extra europei il costo aumenta e dipende dalla nazione dove lo si vuole spedire. Con SDA e UPS i costi sono per spedizioni in Italia a partire da 5,23 € + IVA buste e pacchi fino a 70kg, a partire da 15,60€ + IVA per spedizioni nella comunità europea e a partire da 27,40€ in tutto il mondo.

 

Quanto costa spedire una lettera

quanto-costa-spedire-una-lettera

Spedire una lettera con Poste Italiane è possibile usando il francobollo e utilizzando le 50.000 cassette postali presenti su tutto il territorio nazionale oppure recandosi in un  qualsiasi ufficio postale. E’ possibile spedire una lettera anche online (dal sito www.poste.it) direttamente da PC (servizio disponibile 24 ore su 24) e Poste Italiane provvederà a stampa, imbustamento e consegna al destinatario. Per spedire una lettera con posta ordinaria (chiamata posta 4), utilizzando le cassette postali o recandosi in un ufficio postale,  il costo è di 0,95€ ( con peso fino a 20 grammi) con consegna garantita entro il quarto giorno lavorativo.

Si potranno spedire lettere fino ad un massimo di 2 kg con un costo fino a 6,50€. Se si vuol spedire una lettera con posta prioritaria (chiamata posta 1) il costo è di 2,80 € con consegna garantita il giorno successivo a quello di spedizione. Si possono spedire lettere fino ad un massimo di 2 kg con un costo che arriva a 8 €. La tariffa quindi sia per la posta ordinaria che per quella prioritaria  aumenta in funzione delle dimensioni e del peso della lettera. Per una lettera raccomandata il costo si aggira sui 5 € se il peso non supera i 20 grammi e aumenta per peso superiore. I tempi della consegna garantita si aggirano intorno ai 3-4 giorni lavorativi. Una raccomandata con ricevuta di ritorno, adesso chiamata raccomandata con ricevuta di consegna, ha un costo a partire da poco più  di 9 €. Per spedire una lettera all’estero il costo parte da 1 € per arrivare fino a 27 € a seconda del peso, delle dimensioni e della destinazione.

 

Quanto costa il Telepass

quanto-costa-abbonamento-telepass

Il telepass è uno strumento a noleggio installato nell’auto che consente il pagamento del pedaggio autostradale senza fermarsi al casello passando dalla uscita contrassegnata con il simbolo telepass. Avviene uno scambio di segnali tra l’apparecchio posizionato sulla macchina e il dispositivo al casello che fa alzare automaticamente la sbarra. Il sistema registra il passaggio dell’auto e addebita il costo direttamente sul conto corrente bancario o su carta di credito. Il costo del telepass è di poco più di un euro mensile ed i costi dei passaggi e del canone vengono addebitati con cadenza trimestrale. Si possono utilizzare tre tipi di telepass: quello per privati, quello per business dedicato ad aziende e professionisti e quello per i camion dedicato ad aziende di trasporti.

 

Quanto costa prendere la patente

quanto-costa-prendere-la-patente

Se ci si iscrive ad una scuola guida prendere la patente B costa tra i 750€ e i 900€ comprendendo costo di iscrizione, costi documentazione tecnico/legale per la motorizzazione, lezioni di teoria e pratica ed esame di teoria e pratica. Normalmente le scuole guida assicurano circa 10 guide ma se è necessario farne di più il costo per prendere la patente salirà.

 

Quanto costa rinnovare la patente

quanto-costa-rinnovare-la-patente

I costi per rinnovare la patente dipendono da dove si sceglie di rinnovarla cioè all’ACI, alle scuole guida abilitate, presso le ferrovie dello stato o con visita medica alle ASL. Il risparmio è assicurato presso le ASL o presso una sede delle ferrovie dello stato ma se si desidera avere orari più flessibili è consigliabile rinnovare la patente nelle scuole guide autorizzate o presso le agenzie ACI questo però con costi più elevati. Per il rinnovo bisogna portare 3 fototessere, la patente scaduta, 2 versamenti da 9€ e da 16€ e un documento di identità valido. Presso le ferrovie dello stato il totale di rinnovo è di 75€. Presso le ASL, a seconda della Regione, il costo varia da 80 a 100€. Il rinnovo presso l’ACI va da 80 a 120€ e presso le scuole guida abilitate da 100 a 130€. Siccome è stato eliminato l’adesivo da porre sul retro della patente verrà spedita a casa una nuova patente con posta assicurata al costo di 6,80€.

 

Quanto costa il passaggio di proprietà di un veicolo

quanto-costa-passaggio-di-proprieta-auto

Quando si acquista un veicolo usato il passaggio di proprietà permette il trasferimento della titolarità del veicolo da un soggetto ad un altro. Quando si dispone del certificato di proprietà le somme dovute per il passaggio sono: imposta provinciale di trascrizione (variabile a seconda del tipo di veicolo e della provincia di residenza), emolumenti ACI corrispondenti a 27,00€, imposta di bollo per registrazione al PRA, diritti DT pari a 10,20€ e imposta di bollo per aggiornamento carta di circolazione pari a 16,00€.

E’ opportuno verificare se il veicolo è libero da ipoteche e fermi amministrativi tramite una visura da fare agli archivi del PRA portando il numero di targa con un costo di 6€. Per le auto cointestate è necessaria la presenza di tutti i proprietari della vettura e se l’auto è intestata ad un defunto bisogna prima fare la pratica di passaggio agli eredi e poi la vendita vera e propria. Se il passaggio di proprietà si fa presso un’agenzia i costi aumentano ma tutta la pratica sarà fatta dall’agenzia.

 

Quanto costa aprire una partita IVA

quanto-costa-aprire-partita-iva

E’ possibile aprire la partita IVA per le imprese di qualsiasi natura giuridica gratis online con una semplice procedura telematica e un software gratuito, chiamato ComUnica Impresa, grazie all’istituto della Comunicazione del Registro delle Imprese. Il software guiderà passo passo la compilazione della pratica. I soli costi dovuti sono diritti di segreteria e imposta di bollo.

Prima di iniziare bisogna munirsi della firma digitale recandosi personalmente presso la Camera di Commercio presentando codice fiscale, documento di riconoscimento e indirizzo e-mail e della credenziali Telemaco registrandosi sul sito del registro imprese con carta di credito o altro sistema bancario da utilizzare  per il versamento di diritti e imposte. Quando si sarà in possesso sia della firma digitale che delle credenziali Telemaco si potrà scaricare il software e procedere alla compilazione della ComUnica.

 

Quanto costa divorziare

quanto-costa-divorziare

Il divorzio breve è in vigore dal 26/05/2015, scioglie definitivamente il vincolo matrimoniale, cessano gli effetti civili del matrimonio ed entrambi gli ex coniugi potranno contrarre nuovo matrimonio. Rivolgendosi ad un legale vi è da valutare tutto il lavoro che questo dovrà fare per ascoltare le problematiche della coppia, redigere gli accordi raggiunti,parlare con il legale della controparte e partecipare  alle udienze. Il compenso richiesto è in genere tra i 1.000-1.500 e i 2.500€ ed anche di più se vi sono figli minorenni, figli maggiorenni non autosufficienti, figli maggiorenni portatori di handicap gravi o incapaci e l’accordo di separazione contiene patti di trasferimento patrimoniale.

Il costo che richiederà il proprio avvocato sarà  anche in funzione  dell’importanza  che il professionista riscuote nell’ambito del suo lavoro.  Il costo del divorzio breve dipende quindi sia dall'avvocato che dalla città dove questo esercita. Nelle città dove il costo della vita è maggiore come Milano, Roma, Torino e Genova, maggiore sarà il costo richiesto dal legale.  E’ bene ricordare che se le parti non dispongono di condizioni economiche adeguate possono chiedere il gratuito patrocinio dovendo dimostrare però quali sono le loro effettive condizioni economiche.

 

Quanto costa depositare un brevetto

quanto-costa-depositare-un-brevetto

Se si è realizzata un'idea che potrebbe portare alla realizzazione di un progetto importante, per evitare che questo possa essere copiato, contraffatto o usato da altri è opportuno brevettarlo per utilizzarlo in modo esclusivo. Per depositare la domanda di brevetto di invenzioni industriali bisogna pagare i diritti di deposito che consistono in 50€ se la descrizione e i disegni sono in formato digitale, se invece sono in formato cartaceo di 120€ se non superano le 10 pagine, 160€ tra 10 e 20 pagine, 400€ tra 20 e 50 pagine e 600€ per più di 50 pagine. Per quanto riguarda i diritti per licenza obbligatoria 500,00 per la domanda e 1.400€ per la concessione. Per il brevetto per modelli di utilità bisogna pagare i diritti di deposito di 50€ se in formato digitale e 120€ se in formato cartaceo e i diritti per licenza obbligatoria di 500€ per la domanda e di 1.400€ per la concessione.

 

Quanto costa registrare un marchio

quanto-costa-registrare-un-marchio

La registrazione di un marchio è importante per impedire a chiunque di utilizzare o copiare il marchio per scopi commerciali perché registrandolo si acquisiscono i diritti di proprietà, utilizzo ed esclusiva dello stesso. Nel momento in cui si deposita un marchio occorre scegliere una o più classi (far riferimento alla classificazione internazionale di Nizza) nelle quali far valere il marchio e specificare i prodotti che saranno contraddistinti da quel marchio. Il costo di registrazione di un marchio dipende dal numero delle classi individuate. In Italia la tassa è di 177€ per 10 anni con una classe inclusa e 34€ per ogni classe aggiuntiva oltre la prima.

 

Quanto costa redigere un testamento

quanto-costa-fare-testamento

Esistono diversi tipi di testamento e sono: testamento pubblico, testamento olografo e testamento segreto. Il primo è redatto da un notaio alla presenza di due testimoni. Il secondo è scritto interamente di pugno dal testatore e deve essere datato e sottoscritto. Il terzo è quello che portato al notaio, alla presenza di due testimoni sarà sigillato dal testatore o da notaio senza che quest’ultimo ne conosca il contenuto. L’onorario del notaio ha un costo variabile a seconda della complessità dell’atto ma normalmente è dell’ordine dei 1.000€.

 

Quanto costa un trasloco

quanto-costa-un-trasloco

Per calcolare il costo di un trasloco bisogna tener conto di diversi fattori come la città dove effettuare il trasloco, il volume degli oggetti da traslocare, la distanza da raggiungere per riposizionare i mobili  e se questo va fatto via terra, via mare o via aereo. Indicativamente per un trasloco via terra bisogna tener conto dello smontaggio dei mobili, imballaggio, facchinaggio e piattaforma elevatrice. Un trasloco completo nella stessa città avrà un costo che si aggirerà dai 700 ai 1000€ a seconda della città.

 

Quanto costa riscattare la laurea

quanto-costa-riscattare-la-laurea

Il riscatto della laurea consente ai lavoratori laureati di poter conteggiare gli anni di laurea  come contributi utili ai fini pensionistici. Il requisito fondamentale quindi è quello di aver conseguito il titolo di studio. Dipendenti pubblici e privati, lavoratori autonomi e professionisti, artisti ed imprenditori  ed altre ancora categorie possono riscattare i contributi dei corsi universitari.

Le domande possono essere presentate all’INPS esclusivamente per via telematica sia direttamente dagli interessati o rivolgendosi a commercialisti, intermediari autorizzati o  gratuitamente a Caf-Patronati. Essendo il riscatto contributivo degli anni di laurea a pagamento, una volta presentata la domanda bisogna pagare l’onere per il riscatto o in un’unica soluzione o in 120 rate mensili con bollettini MAV senza interessi sulla rateazione. Essendo il costo del riscatto abbastanza elevato bisogna valutare attentamente la convenienza o meno del riscatto. Infatti se mancano 2 o 3 anni di contributi al perfezionamento della pensione anticipata o al raggiungimento dei 20 anni utili per ottenere la pensione di vecchiaia allora il riscatto è conveniente. Il costo del riscatto è dell’ordine di diverse migliaia di euro infatti per un anno di riscatto si parte mediamente da 5.000€ e si può arrivare anche a cifre doppie o triple.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest