• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come diventare istruttore di surf e avviare un'attività

 

Per molti potrebbe sembrare quasi un sogno riuscire a cambiare professione, magari scegliendo un’attività che ci consente di vivere all’aria aperta o all’avventura. Sono numerosi e soprattutto giovani i ragazzi che vorrebbero cambiare o trasformare la propria carriera lavorativa diventando istruttore di surf, magari sognando di potersi trasferire all’estero, in Australia o America, o scegliendo di avviare un’attività nel proprio Paese, persino aprendo una scuola per surfisti.

 

Il surf è uno sport acquatico che consente di cavalcare le onde del mare grazie all’ausilio di una tavola specifica. Esistono particolari tecniche e manovre da dover imparare accuratamente per riuscire ad effettuare tutte le acrobazie, da insegnare in seguito ai propri allievi. In questo articolo porremo due domande agli esperti amici di https://tavolesportive.com, ovvero come si fa a diventare un qualificato istruttore di surf e che requisiti sono necessari per aprire una scuola per istruire i surfisti del domani.

 

 

Come diventare istruttore di surf?

come-aprire-una-scuola-di-surf

Esistono diverse tipologie di surfing, tecniche che variano a seconda di come viene presa l’onda. Take off è la maniera classica in cui il surfista nuota sdraiato sulla tavola da surf e successivamente si alza in piedi per "accogliere l’onda".

Tow in surfing, dove la tavola viene fatta trainare da una moto d’acqua e una volta acquistata la velocità corretta, il surfista potrà cavalcare l’onda. Mentre nel windsurf si utilizzano vele leggere e maneggevoli, o lo skimboarding dove viene utilizzata una tavola piccola di legno ed in cui le onde vengono prese in prossimità della battigia.

Esistono dunque diverse tipologie di surfing che variano tra loro in base alla tipologia di tavola da surf utilizzata se pesante o leggera, più o meno lunga e soprattutto in base alle diverse tipologie di materiali.

Il surfing cambia anche tenendo conto delle tecniche utilizzate e dalla tipologia di corso d’acqua dove viene praticata l’attività, se in alto mare, lungo la battigia o surf fluviale.

 

Pericoli connessi all'attività di surfing

Sicuramente il surf è uno degli sport acquatici più pericolosi in quanto sono diversi i rischi che si possono correre, pertanto è fondamentale essere istruiti nella maniera più corretta sia per la propria sicurezza, che per l’incolumità dei propri allievi.

I pericoli più comuni che riguardano il surf sono l’annegamento soprattutto se si è eccessivamente stanchi o se non si è sicuri delle proprie capacità, dovendo affrontare un mare spesso abbastanza agitato. Così come la fauna marina, seppur rari gli attacchi degli squali esistono, oltre alla tavola che potrebbe rappresentare un pericolo se non utilizzata correttamente.

Anche il fondale potrebbe rappresentare un pericolo per chi non sa utilizzare correttamente la tavola da surf o non sa praticare surf, per infortuni spesso dovuti alle rocce affioranti, lacerazioni dovute alla barriera corallina.

 

 

Tutti i corsi per diventare istruttore di surf

come-diventare-istruttore-di-surf

Diversi sono i corsi ai quali è possibile partecipare per cercare di formarsi correttamente come istruttore di surf, proposte che spesso vengono dal web e che consentono di potersi iscrivere online. Prima di iscriversi è fondamentale valutare accuratamente attentamente il corso di formazione che si addice alle proprie esigenze.

Dopo essere sicuri di aver scelto un corso di formazione per istruttore di surf qualificato, considerando durata, costi ed evitando qualsiasi tipologia di equivoco, bisognerà inoltre accertarsi che al termine del corso venga rilasciato il brevetto di istruttore di surf.

I corsi rilasciati dal ISA (International Surfing Association) sono gli unici corsi di formazione validi a livello nazionale, in quanto la ISA è riconosciuta dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale) come massima autorità mondiale del surfing.

Solamente chi riesce ad ottenere un brevetto ISA potrebbe presentare una richiesta per riuscire a lavorare in una scuola federale come istruttore di surf.

La ISA richiede che tutti gli istruttori siano in possesso del brevetto da bagnino MIP, ovvero per il mare aperto e non solo per la piscina. Tuttavia consente la partecipazione anche a chi ne è sprovvisto momentaneamente, facendo in modo di ottenerlo entro un tempo massimo di un anno dalla data di partecipazione al corso.

Generalmente il corso da istruttore surf si avvia con almeno l’iscrizione di 10 partecipanti. Dopo il corso il candidato dovrà effettuare almeno 20 ore di tirocinio presso una scuola federale o istruttore federale. Il brevetto di istruttore ISA dovrà essere rinnovato ogni anno tramite il sito ufficiale, ad un costo di 100USD. E il nome di ogni candidato dovrà essere inserito in un albo di istruttori sia sul sito federale FISURF che sul sito ISA.

 

Tutti i requisiti per diventare istruttore surf

È fondamentale per ogni candidato riuscire ad avere buona cultura dello sport, oltre ad essere in possesso di un livello in surf medio, ovvero saper eseguire le manovre base del surf, take off, bottom turn, cutback, off the lip con un livello intermedio.

Il brevetto di istruttore surf viene consegnato al candidato una volta completate le ore di tirocinio e presentato il brevetto da bagnino, per entrambe la ISA concede un tempo massimo di 12 mesi.

Per poter partecipare al corso si dovrà inviare tutta la documentazione che possa certificare le esperienze pratiche e il livello tecnico acquisito, obbligatorio inoltre il tesseramento Federale e la lettera di presentazione di un Surf Club affiliato.

Il corso di istruttore da surf prevede una prova pratica in mare, o nel caso in cui non ci siano delle condizioni meteo ottimali per la prova si dovrà montare un video della durata di massimo 3 minuti che dimostri l’esperienza acquisita durante la partecipazione al corso.

 

 

Lavorare come istruttore surf in Italia e all’estero

come-diventare-istruttore-di-surf-guida

Qualora si riesca ad ottenere un brevetto di istruttore Surf  L1 essendo riconosciuto da ISA consente a chiunque di poter aprire in tutto il territorio nazionale nuove scuole, anche in quelle regioni dove il surf ancora non ha raggiunto la notorietà che meriterebbe, come Lazio, Liguria e Toscana.

Tendenzialmente chi è in possesso di un brevetto come istruttore surf L1 potrà svolgere attività lavorativa presso le associazioni affiliate alla FISURF, l’unica riconosciuta in Italia ma anche all’estero. Sono almeno 80 gli istruttori di surf riconosciuti ISA che stanno lavorando in tutto il mondo, ecco perché è fondamentale scegliere il corso che sia riconosciuto per riuscire a lavorare sia in Italia che all’estero senza alcun problema.

Inoltre con i brevetti ISA è possibile progredire come istruttori fino a raggiungere livelli più avanzati di insegnamento.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest