• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come aprire un negozio di ricambi auto

 

Chi ama le auto e al contempo intende intraprendere un percorso lavorativo imprenditoriale autonomo, deve considerare l’idea di aprire un negozio di ricambi auto. Abbiamo parlato di amore per le auto, perché curare una simile attività richiede innanzitutto molta passione, oltre che pazienza e conoscenze del settore automobilistico.

 

Lo spirito di iniziativa e l’intraprendenza sono due pilastri per l’investimento in un simile progetto, che se curato nei minimi particolari, può dare grandi soddisfazioni.

Un aspetto di cui tenere conto, e che ovviamente vedremo di seguito, inerisce a come il mercato dei ricambi sia cambiato, e a come ormai tenda a concentrarsi soprattutto sul web (portando alla nascita di molti e-commerce). Senza voler anticipare nulla, vediamo di seguito, step by step, come aprire un negozio di ricambi auto.

 

 

La scelta del locale

come-avviare-shop-ricambi-auto

Prima di sviscerare a fondo la questione burocratica e tanti altri aspetti necessari per l’apertura di un negozio di autoricambi, è doveroso evidenziare che tutto parte dal locale che sceglieremo.

È importante infatti che il negozio sia grande abbastanza per poter ospitare e stoccare tutti i prodotti di ricambio per le automobili. Sicuramente, qualunque sia il locale scelto, esso andrà ristrutturato, messo a norma secondo quanto previsto per il commercio degli autoricambi.

Il locale deve essere sito in centro, ma deve avere un costo non troppo elevato, considerando che all’inizio non si potrebbe ingranare come si deve. L’affitto di un negozio in centro potrebbe sforare il nostro budget, tuttavia è sempre meglio trovarsi in una zona in cui c’è passaggio di potenziale clientela (oltre al fatto che deve essere una zona lontana da possibili concorrenti).

 

L’iter burocratico

Per quel che concerne l’iter burocratico, l’apertura di un negozio di autoricambi richiede pochi semplici passaggi.

In primis bisogna aprire la Partita Iva presso l'Agenzia delle Entrate e regolarizzare la propria posizione presso la Camera di Commercio. Non devono mancare le comunicazioni all’INPS e all'INAIL anche perché un negozio va gestito nel migliore dei modi, e occorrono dunque dei dipendenti. Va altresì fatta una richiesta per poter affiggere un'insegna, così da rendere più facile essere notati dal cliente.

Consigliamo inoltre,per una maggiore efficienza nella vendita dei prodotti di ricambio per auto, instaurare una partnership con distributori di ricambi che possano appoggiarci e coprirci con il loro vasto assortimento. In tal modo, sarà più facile soddisfare le richieste della clientela in breve tempo.

 

 

L’aspetto pubblicitario

come-aprire-store-ricambi-auto

Dopo aver seguito la procedura burocratica, bisogna pensare a come farsi pubblicità. La promozione e il marketing sono indispensabili per riuscire a far conoscere l’apertura dell’attività a tutti i potenziali clienti. Non solo ci vuole l’insegna giusta, i volantini, ma anche un sito web.

All’interno del negozio si potrebbero più tenere sagome ed espositori con brochure, in modo tale da creare il giusto materiale pubblicitario.

L’apertura del negozio dovrebbe avvenire con una inaugurazione ben organizzata, in cui attirare ed invitare soprattutto automobilisti e professionisti che lavorano alle riparazioni auto (meccanici, carrozzieri e così via). Sarà molto più facile entrare nel giro del commercio.

Oltre ad un sito web ben strutturato ci vogliono delle pagine social altrettanto ben progettate. È importante sponsorizzarsi con il digitale, dal momento che il web è una risorsa speciale. Le pagine social, così come il sito web, vanno aggiornati di frequente per rimanere alta la capacità pubblicitaria di questi strumenti.

 

Utilizzo di un Software Gestionale

Trattandosi di un’attività molto particolare, anche la rete informatica all’interno del negozio deve essere ben consolidata. A tal proposito sarebbe opportuno utilizzare un software gestionale in grado di conservare, sviscerare e aggiornare tutti i dati inerenti ai prodotti venduti e ai potenziali clienti.

Nel budget che decidiamo di prefissarci quindi deve rientrare anche la spesa per un programma simile che possa agevolare ed ottimizzare la nostra attività organizzativa interna.

 

Auto ricambi in franchising

Come per molte attività, anche per un negozio di ricambi auto è possibile affidarsi ad un franchising se si ha troppa paura di investire in totale autonomia.

In fondo, è molto più facile lavorare attraverso un brand già noto, che rappresenta per i clienti una vera e propria garanzia. Grazie all'affiliazione commerciale, entrare nel settore commerciale automobilistico sarà un percorso molto più scorrevole, che saprà darci la giusta esperienza e il giusto sprint per raggiungere il successo.

Il franchisor infatti mette a disposizione non solo la giusta formazione tecnica, ma anche quella amministrativa, pubblicitaria e lavorativa al ricambiata. Non a caso, secondo alcune statistiche, nel biennio 2014-2016, il franchising nel settore del ricambio auto ha raggiunto una mole d’affari di oltre il 3%. Sono dunque aumentati i punti vendita e gli addetti ai ricambi.

Per riuscire ad entrare nel mondo dell’auto ricambio attraverso il franchising bisogna in primis essere in possesso del budget richiesto che dovrebbe aggirarsi tra i 15 mila e i 20 mila euro. Inoltre, bisogna avere un locale commerciale semi centrale di 30 – 40 metriquadri minimi. Bisogna altresì essere in possesso di tutti i requisiti richiesti dal franchising e che rispettato le norme attualmente in vigore.

Per quel che sono i vantaggi dell'affiliazione, sicuramente fanno capo ad una esperienza ottimale attraverso l’utilizzo di un brand famoso. Non mancano poi supporto, affiancamento, formazione e corsi di aggiornamento, nonché forniture a condizioni vantaggiose.

 

 

Negozio ricambi online

come-aprire-negozio-ricambi-auto

Abbiamo anticipato nel paragrafo introduttivo che la moderna tecnologia e l’uso del web hanno portato ad un cambiamento del mercato di riferimento. Questo vuol dire che oggi come oggi è molto facile che una persona con l’esigenza di acquistare un pezzo di ricambio auto provi a farlo attraverso gli e-commerce.

Potrebbe essere pertanto un’idea quella di aprire un negozio online di ricambi auto. In questo caso parte tutto da un sito web, che si può avviare con l’acquisto di un dominio personale. Il dominio è il perno principale di una URL, ovvero l’insieme dei caratteri (parola o frase di senso compiuto) che gli utenti utilizzano per raggiungere una specifica risorsa online.

Ovviamente per riuscire nell’intento sarebbe meglio rivolgersi a programmatori o ad esperti del mestiere che sapranno curare nel dettaglio ogni minimo particolare e sfornare un portale professionale sia in ambito tecnico di realizzazione che estetico (un esempio è il sito di ricambi Porsche online www.mavment.com). In alternativa ci sono delle piattaforme che mettono a disposizione degli utenti la possibilità di creare un sito da zero, potendo optare per elementi grafici già preformati.

Dopo aver scelto il dominio del proprio siro web, dobbiamo costruire la pagina nel migliore dei modi. Anche in questo caso abbiamo la possibilità di rivolgerci ad un professionista che possa strutturare la pagina così come la vogliamo noi. Viceversa possiamo sempre usufruire dei siti terzi che ospitano il dominio di proprietà per dare al sito una forma accettabile.

Resta il fatto che un informatico, dietro compenso ovviamente, si occuperà di tutto, dalla a alla z, rispettando ogni nostra richiesta, e aiutandoci anche in futuro nella gestione del sito e nel suo aggiornamento. Per cui, dal momento che si tratta di un negozio online (il che vuol dire risparmiare spese per il locale in affitto, per dipendenti e così via) si potrebbe anche prendere in considerazione l’idea di spendere qualche euro in più per ottenere una piattaforma e-commerce a regola d’arte.

Dopo aver messo a punto la struttura del sito, quest’ultimo va riempito con contenuti pertinenti al prodotto che intendiamo proporre. Nel caso dunque di ricambi auto, meglio aggiungere per ogni prodotto una descrizione, delle foto e i relativi prezzi. Infine, curare nei minimi dettagli anche le modalità di pagamento, e completare il sito con una pagina dedicata alle informazioni relative all’azienda, i contatti e così via.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest