• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come trovare lavoro all’estero, la guida

 

Per poter dare una svolta alla propria vita, molte volte è necessario rivolgere il proprio sguardo lavorativo anche all’estero. E’ questa un’opportunità soprattutto per i giovani che vogliono mettere in gioco tutte le loro esperienze e capacità per realizzare il sogno di raggiungere il successo.

 

Realizzare questo non è facile, ma occorre essere dotati di costanza, volontà di emergere e soprattutto di capacità lavorative idonee.

 

 

Tutto ciò permetterà di realizzare un'esperienza lavorativa all'estero che potrà essere temporanea o definitiva e che porterebbe a  realizzerebbe un vero e proprio cambio di vita. E’ opportuno far presente che il mercato di lavoro italiano è diverso da quello di altri Paesi per cui sarà necessario sapersi muovere in un contesto culturale sicuramente diverso.

 

lavorare-all-estero

E’ perciò necessario studiare il mercato del Paese dove si vorrebbe trovare lavoro per capire dove è maggiormente richiesto il proprio profilo lavorativo. Inoltre per poter riuscire e avere successo nel proprio campo, si dovranno preparare in anticipo tutti gli strumenti adeguati alla scelta che si sta per fare.

 

Quale lingua bisogna conoscere prima di cercare lavoro in un’altra nazione

Le competenze formative e lavorative acquisite non sempre sono sufficienti perché l’ostacolo di una mancata conoscenza della lingua del Paese in cui ci si vuol trasferire può essere causa di un insuccesso.

Nei mesi che precedono la partenza è necessario frequentare dei corsi intensivi della lingua inglese che è considerata una lingua universale parlata un po’ in tutte le nazioni del mondo. Questo permetterà di poter dialogare anche se non si conosce in modo approfondito la lingua locale.

 

 

Quali azioni intraprendere prima di trovare lavoro all’estero

La prima cosa è individuare le aziende che cercano personale e le opportunità lavorative che offrono. Questo si può fare leggendo gli annunci di lavoro pubblicati sui principali quotidiani esteri, iscrivendosi ai servizi a pagamento dedicati a coloro che cercano lavoro all’estero, cercando su siti istituzionali come ambasciate e consolati, navigando sui siti aziendali, sui portali idonei alla ricerca di lavoro, siti di agenzie per il lavoro, sezioni sui siti degli atenei esteri, sui social e professional network per la ricerca di lavoro.

Inoltre è necessario conoscere in quali Paesi è maggiormente spendibile la propria professionalità. Da valutare attentamente anche la possibilità di contattare ex colleghi, professionisti conosciuti nelle precedenti esperienze lavorative e formative perché potranno essere utili per attingere possibilità di offerte attinenti al proprio profilo lavorativo.

Se si vuole elaborare un Curriculum Vitae adeguato da inviare, occorre capire quali informazioni vengono considerate più importanti e rilevanti e specificarle in modo completo e chiaro.

Il CV deve essere scritto in inglese con allegata una lettera di presentazioni anch’essa in inglese.

Cercare di realizzare il CV sul format di curriculum vitae più diffuso nel Paese in cui i desidera andare. Altra importante necessità è quella di inserire il proprio CV nel database delle principali agenzie di lavoro che sono specializzate nella selezione del personale italiano per l’estero.

C'è da dire anche che negli ultimi anni sta crescendo una nuova figura, quella del nomade digitale, persone che sfruttano appunto le tecnologie digitali ed il nuovo marketing online per svolgere il proprio lavoro e condurre uno stile di vita in modo nomade. Se vuoi rientrare in questa categoria "molto fortunata" dovrai studiare le tecniche SEO, il marketing online, i social, il funnel sales process (per approfondire consulta la sezione Digital Marketing e Produttività).

 

Portali da consultare per trovare lavoro all’estero

lavorare-all-estero-guida

Diversi sono i portali da consultare per trovare lavoro all’estero e tra questi citiamo:

- 3 Esse. Offre programmi Work and Travel in America, Australia e Nuova Zelanda;

- Adecco. E’ una agenzia multinazionale con sede a Zurigo che si occupa di selezione del personale. Una volta registratisi si potranno visionare tutte le offerte di lavoro attinenti alla propria area professionale. Il lavoro, per ogni persona, è fondamentale e diventa stimolante e appagante se a svolgerlo ci si sente realizzati;

 - Infojobs. E’ uno dei siti web di annunci lavorativi più visitati perché è tra i più completi ed esaustivi siti di tale problematica. Molte aziende si servono di questo sito per scegliere tra i candidati più adatti e più interessati al lavoro che propongono;

- Indeed. E’ un motore di ricerca dove trovare numerose offerte di lavoro. E’ possibile caricare sul sito il proprio CV per poi essere contattato da aziende e datori di lavoro. Il sito raccoglie annunci di lavoro da molti siti web, dai quotidiani e dalle pagine di richiesta lavoro di compagnie private. Se si è interessati a determinati lavori, le persone vengono direttamente indirizzate alle aziende cui necessita avere persone con quel tipo di professionalità;

- Monster. Agenzia del lavoro dove gli iscritti verranno guidati a redigere il proprio CV evitando le frasi che potrebbero influenzare negativamente chi le legge e a prepararsi al video colloquio se la selezione sarà fatta in questo modo. Questo è importante perché, di solito, i candidati sono persone appena uscite dall’università e quindi non del tutto consapevoli di come viene scelto il personale occorrente ad una azienda in funzione del mercato del lavoro;

 

 

- A.R.C.E. Soprattutto per i giovani che vogliono imparare bene una lingua straniera A.R.C.E. offre soggiorni di studio–lavoro come corsi di inglese e lavoro in ristoranti ed hotel. Ancora è possibile recarsi alla pari in Inghilterra, Spagna, Francia, Germania, Austria Irlanda e Nord Europa. E’ possibile una sistemazione in Inghilterra come ospite pagante  presso famiglie selezionate;

- Ciclolavoro. E’ il sito del Ministero del lavoro e delle politiche Sociali. Sul sito www.ciclolavoro.gov.it  si possono trovare informazioni aggiornate che soddisfino le esigenze lavorative di ogni persona che necessita di trovare un nuovo impiego. Avere un lavoro significa raggiungere una condizione di indipendenza e autonomia che rende stabile e serena la propria quotidianità. L’attuale mercato del lavoro propone spesso lavori precari e anche poco remunerativi.

Quindi cambiare lavoro cercando quello più adatto alle proprie competenze e capacità diventa una necessità impellente. Questa necessità diventa ancora più pressante se del proprio lavoro si è insoddisfatti e andare in ufficio ogni mattina diventa una specie di incubo. Questo porta a non essere motivato nel lavoro e quindi necessita trovarne un altro. Però cambiare lavoro è molte volte fonte di incertezza e di preoccupazione.

Ciclolavoro accompagna questa decisione favorendo l’acquisizione di nuove e più complete competenze attraverso la formazione e rendendo il lavoratore pronto ad intraprendere nuove opportunità di lavoro.  Inoltre è possibile trovare informazioni sull’inserimento lavorativo delle persone diversamente abili attraverso misure specifiche e incentivi per le eventuali assunzioni;

- Eures. E’ il portale europeo che tratta la mobilità professionale. E’ una specie di ufficio di collocamento virtuale che mette in comunicazione datori di lavoro e lavoratori europei. Eures collabora  con la Commissione europea e con i servizi pubblici per l’impiego dei vari paesi europei. Questo per favorire la mobilità geografica e professionale dei lavoratori.

Il suo servizio è quello di offrire informazioni sulle condizioni di vita e di lavoro dei paesi membri e sulle proposte occupazionali in ambito europeo. All’interno della rete Eures è possibile inserire il proprio curriculum vitae nel modello europeo per permettere alle aziende interessate di essere sempre al corrente sulle disponibilità di lavoro di chi è disposto a trasferirsi in altro paese. Eures offre anche consulenza e supporto per le procedure da mettere in atto alla partenza ed al rientro da un lavoro all’estero;

- Eurocultura. Sul sito www.eurocultura.it si potranno trovare i progetti e le attività per migliorare l’occupazione delle persone attraverso esperienze di formazione e lavoro all’estero. Il sito si occupa quindi della promozione e della mobilità internazionale di studenti e lavoratori all’estero.

Eurocultura è partner di progetti di formazione professionale internazionali finanziati dall’Unione Europea. I programmi riguardano l’orientamento, la formazione professionale, l’occupazione anche giovanile e la cultura. E’ previsto interscambio tra giovani stranieri che vengono a svolgere tirocini formativi in Italia e giovani italiani che si recano all’estero;

 

 

- Manpower. Nei paesi dove è presente Manpower è possibile trovare in evidenza offerte di lavoro. Manpower Group è il leader nel campo dell’incontro tra domanda ed offerta di lavoro. E’ specializzato nella ricerca, valutazione e selezione di personale richiesto da aziende sia a tempo determinato che a tempo indeterminato.

Progetta e realizza corsi di formazione professionale e servizi di consulenza per l’organizzazione aziendale. Si dedica in modo particolare alla ricerca e alla selezione di giovani talenti, che per la prima volta, si affacciano al mercato del lavoro;

- Offerte lavoro estero. Sul sito www.ticonsiglio.com si possono trovare numerose ed interessanti offerte di lavoro all’estero. Si possono anche trovare consigli e approfondimenti su come candidarsi e su come affrontare le selezioni. Il siti mette in evidenza le offerte di lavoro, le aziende che assumono, i tirocini e le notizie sui settori che più hanno carenza  di figure necessarie in Italia e all’estero;

- Portale europeo dei giovani. Sul sito www.portaledeigiovani.it è possibile trovare informazioni sulla opportunità di  lavoro in Europa e nel mondo. E’ possibile capire quali sono i programmo più interessanti per seguire un tirocinio presso le istituzioni dell’UE e le organizzazioni internazionali. Se si desidera trovare un lavoro all’estero allora questo è il sito che potrà dare risposte concrete;

- Vivi all’estero. Un aiuto per andare a vivere e lavorare all’estero lo si trova sul sito www.viviallestero.com dove è possibile trovare offerte di tirocinio e di lavoro all’estero, pacchetti di trasferimento all’estero per studio o per attività di ragazza alla pari o attività di vendita all’estero;

- Adzuna. Adzuna è un motore di ricerca di annunci di lavoro in tutta Italia. Sono raggruppati sul sito www.adzuna.it  un numero enorme di annunci di lavoro. La sede centrale si trova a Londra.

 

Dove è più facile trovare lavoro

I posti migliori dove trovare lavoro sono quelli dove c’è il boom economico come ad esempio il Canada. Il costo della vita, gli affitti relativamente bassi e il costo dei generi alimentari contenuto, sono in contrapposizione con il miglior tasso di occupazione al mondo. L’economia è fiorente e questo determina una qualità di vita ottimale per tutti gli abitanti della nazione. Inoltre il Canada offre un'assistenza sanitaria eccellente e leggi a favore di chi emigra in tale paese. Altri paesi sono alla ricerca di figure professionali che a loro mancano. In Giappone necessitano ingegneri, medici, infermieri ed operai. In Romania mancano tecnici informatici e autisti e in Ungheria contabili e tecnici del settore finanziario.

 

 

Come faccio a trovare lavoro all’estero

lavorare-all-estero-come-dove

Se non ci si ritiene capaci di poter trovare lavoro da soli all’estero è possibile utilizzare una delle tante agenzie specializzate in tale ricerca.

I lavori richiesti all’estero,che non hanno bisogno di studi universitari, ma solo di competenza e professionalità, sono: cuoco, pizzaiolo, cameriere e barista richiesti dai paesi a forte crescita e a vocazione turistica.

Nei paesi del Sud Est asiatico come Cina, Singapore e Malaysia è facile trovare un lavoro  qualificato. Ma i paesi più ambiti sono Australia, Stati Uniti d’America e Canada. In questi anni si è aperto un mercato del lavoro molto interessante a Dubai negli Emirati Arabi Uniti.

Per andare a lavorare all’estero in un Paese non appartenente all’Unione Europea si dovranno richiedere ed ottenere permessi di lavoro specifico.

Un altro importante modo di lavorare all’estero, che alletta molti giovani, è trasferirsi per una esperienza di lavoro breve di qualche  mese o per una estate. Nelle città che lavorano molto con il turismo sarà molto facile trovare lavoro stagionale.

Barcellona, Vienna, Parigi, Londra, Berlino, Amsterdam, Madrid e Oslo sono tra le città dove è più facile lavorare per un breve periodo.

 

Cosa studiare per poter lavorare all’estero

Molti studenti ritengono che una delle migliori soluzioni per sentirsi realizzati è quella di lavorare all’estero. Si chiedono quali siano le migliori facoltà da seguire per essere richiesti e trovare facilmente collocazione in ambito lavorativo fuori Italia.

Le facoltà più adatte da frequentare per avere maggiore possibilità di lavorare all’estero sono: laurea in ingegneria, laurea in lingue, laurea in economia, laurea in relazioni internazionali. Più si hanno competenze specifiche più sarà facile inserirsi nel mercato di lavoro della nazione dove si è deciso di trasferirsi.

Per esempio, se si hanno competenze nell’ambito della programmazione, si potrà lavorare a Dublino città che ospita i più importanti colossi del Web come Google.

 

 

Lavorare all’estero parlando solo italiano

In questo caso è possibile lavorare all’estero se si è assunti da una azienda italiana con sede in un Paese straniero. Una volta sul posto si potrà imparare la lingua soprattutto con il contatto diretto di colleghi e sarà molto più facile imparare la lingua partendo da zero o addirittura migliorandola, in tempo brevi, se si hanno delle conoscenze di base.

 

Trovare lavoro all’estero a 20 – 30 - 40 - 50 anni

Muoversi per trovare lavoro all’estero è in funzione dell’età e del titolo di studio. Quando si hanno 20 anni e si vuole lavorare all’estero come prima esperienza per imparare un mestiere e una nuova lingua, alla fine dell’esperienza lavorativa si potrà inserire nel proprio curriculum vitae tale esperienza che faciliterà l’inserimento nel mercato lavorativo italiano.

Infatti sarà più facile, dopo l’esperienza all’estero, trovare lavoro in Italia. Inoltre, vivere in un’altra realtà, permetterà di imparare a vivere da solo e così aprire la propria mente a culture diverse. Se si hanno 30 anni o più, in Italia è più difficile trovare lavoro, ma questo non avviene in altre parti del mondo.

In molti Paesi quello che conta non è l’età ma l’impegno che si mette nel proprio lavoro. Quindi possiamo concludere dicendo che l’età all’estero non è un limite, ma la voglia di lavorare, l’impegno profuso sono un biglietto da visita che sarà tenuto sicuramente in buon conto anche se si cambierà tipologia di lavoro.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Wise (ex Transferwise), qui leggi la recensione.

Qui invece puoi leggere le nostre opinioni su sicurezza e affidabilità del servizio.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.


FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest