• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Polizza autocarro storico, la guida

 

Coloro che sono in possesso di un autocarro datato, possono ugualmente impiegarlo per circolare previa stipula di un’assicurazione. Nel caso specifico di un furgone con più di vent’anni, si parla di autocarro storico.

 

In questa definizione vengono fatti convergere non pochi vantaggi e benefici che tendono a ripercuotersi anche sul costo e sul contenuto della polizza assicurativa.

Prima però di provvedere a scegliere la migliore polizza per il tuo autocarro, sarà opportuno valutare tutto quello che bisogna sapere circa l’argomento, il tutto insieme agli esperti di assicurazioni-autocarro.com a cui abbiamo posto le seguenti fondamentali domande: Quando un autocarro è considerato storico o d'epoca?, Come assicurare un autocarro / furgone d'epoca?, Quanto costa la polizza?

 

 

Quando un autocarro diventa d'epoca?

polizza-autocarro-guida-quanto-costa-come-si-fa-risparmio

Innanzitutto cerchiamo di capire quando un autocarro risulta storico o d’epoca. Si parla di autocarro d’epoca se il mezzo ha almeno venti anni, tenendo conto della prima immatricolazione del veicolo (almeno solitamente). Qualora il veicolo risulti reimmatricolato, ad esempio nel caso in cui fosse stato dismesso dall’utilizzo, verrà sempre presa in considerazione la prima immatricolazione dello stesso.

Si parla invece di autocarro storico se il veicolo ha più di trent’anni. In questo caso, per rientrare nella categoria di "storico", il furgone non deve più risultare in uso a scopo professionale o lavorativo. Non deve altresì essere impiegato per carichi di alcun tipo. Questo vuol dire che se hai un’azienda e utilizzi per scopo professionale il tuo furgone, allora esso non può essere riconosciuto come veicolo storico e assicurato come tale.

Viceversa se il mezzo non viene usato per lavorare e per trasporto massimo di carichi, potrà essere assicurato come autocarro storico.

 

 

Come assicurare un autocarro d'epoca?

polizza-autocarro-storico

Un autocarro che ha i requisiti appena indicati, può essere assicurato scegliendo una polizza specifica pensata per i veicoli storici. In questo caso si può beneficiare di non pochi vantaggi. Ti basterà rivolgerti ad una compagnia o a quei siti online di comparazione preventivi, per capire come scegliere la migliore assicurazione autocarro per le proprie esigenze.

 

Ma come si fa ad assicurare d’epoca un autocarro?

Fino a qualche anno fa, se volevi una polizza assicurativa per autocarro storico dovevi per forza di cose risultare iscritto presso l'ASI o presso la FIVS (ambedue associazioni per veicoli storici). Gli enti rilasciavano al proprietario del furgone un certificato utile a garantire la stipula di una polizza per autocarro d’epoca.

Tale passaggio oggi si può evitare e non è vincolante ai fini della stipula di una "polizza storica". Tuttavia si consiglia ugualmente di essere iscritti ad uno dei club per avere diritto ad accedere a speciali convenzioni con le compagnie assicurative e particolari offerte.

In condizioni normali, ad esempio, un veicolo storico non può circolare normalmente in strada, mentre se si è iscritti ad uno dei due club sarà consentito lo spostamento per 365 giorni l’anno. Al contempo si potrà beneficiare di copertura assicurativa anche con revisione o patente scaduta. Si potranno altresì avere dei massimali più corposi, quasi simili a quelli previsto nella polizza tradizionale.

Devi inoltre tenere conto dell’ipotetica richiesta da parte della compagnia assicurativa della presentazione del predetto certificato che attesti l’iscrizione dell’autocarro ad un’associazione di veicoli d’epoca. Ci sono aziende assicurative infatti che hanno una politica più severa pensata per salvaguardarsi dal rischio di truffe e per un maggiore  controllo del veicolo.

 

 

Quanto costa assicurazione autocarro storico?

polizza-autocarro-depoca

Un autocarro storico può godere di una polizza assicurativa molto più economica rispetto a quelle standard. Il principale motivo di questo sgravio sta nel fatto che trattandosi di un mezzo vetusto, può percorrere distanze meno lunghe, e di conseguenza è soggetto a meno rischi.

Ne consegue così un premio assicurativo più basso rispetto ad una normale assicurazione. Ti ricordiamo, per una questione di precisione, che la portata del veicolo storico non influenza il valore del premio o la possibilità o meno di stipulare la polizza, dal momento che l’autocarro non potrà essere impiegato per scopi professionali e di conseguenza non ha la necessità di essere valutato per la sua massa.

Per avere un maggiore sconto, ancora più alto rispetto a quello che già ti spetta, ti consigliamo di confrontare diversi preventivi per l’assicurazione autocarro. Sia sul web che presso le agenzie fisiche avrai la possibilità di farti fare più di un preventivo per scegliere poi il prezzo più competitivo e conveniente per l’assicurazione autocarro storico. Potrai esaminare con tranquillità e senza fretta tutti i riferimenti opportuni e necessari alla selezione migliore. In alternativa alcune compagnie offrono anche polizze senza ASI; le agevolazioni possono differire in base alle diverse soluzioni; scopri come funzionano le assicurazioni autocarro senza ASI su questo sito.

Nel costo complessivo che andrai ad affrontare, ricorda di considerare anche il canone annuo che potresti pagare per essere iscritto al club territoriale ASI o FVIS (pagherai un importo di circa 42 euro annuo più una quota associativa territoriale di circa 100 euro).

Inoltre, per una questione di precisione, ti ricordiamo anche che avere un autocarro storico vuol dire risparmiare sul pagamento del bollo (questo ovviamente è valido solo se il mezzo ha più di 30 anni.. ti suggeriamo di informarti sulle norme in vigore nella tua regione).

A partire da gennaio 2019, anche i mezzi con età compresa tra venti e trenta anni sono soggetti ad una riduzione del 50% sul valore del bollo. Lo sconto non si applica in automatico, ma per usufruire del vantaggio dovrai fare domanda, presentando alcuni documenti, e in particolare il certificato di rilevanza storica.

 

Consigli utili prima di acquistare una polizza autocarro storico

Il contenuto delle assicurazioni per gli autocarri storici non differisce da quelle per veicoli standard. Al suo interno troverai ugualmente la copertura per la responsabilità civile, elemento base di tutte le assicurazioni per i veicoli circolanti su strada ed obbligatoria per legge.

In base poi al tipo di assicurazione da te scelto, potrebbero esserci delle coperture accessorie al suo interno che potrebbero essere utili. Si pensi ad esempio all’assicurazione degli eventuali passeggeri trasportati, o anche alla copertura per danni specifici a cose o persone, o ancora alla guida esclusiva del furgone per la partecipazione ad eventi o manifestazioni anche di tipo sportivo.

Prima di stipulare una polizza storica, sarà tuttavia opportuno esaminare tutte le possibili limitazioni da essa derivanti. Sebbene questi limiti varino da una compagnia all’altra, le più diffuse sono quelle concernenti una limitazione d’uso ai soli eventi relativi ai veicoli storici.

Potrebbe in secondo luogo essere richiesto l’annullamento della capacità di carico, per evitare che vengano impiegati gli autocarri assicurati ai fini professionali.

Come già anticipato poi, le compagnie potrebbero richiederti la certificazione attestante l’effettivo interesse storico del veicolo, onde evitare giochi da furbetto per risparmiare sul premio assicurativo.

 

 

Di solito le compagnie sanno assecondare le esigenze del cliente. Tuttavia potrebbe capitare che nella comparazione dei vari preventivi, nessuno sia confacente alle tue specifiche esigenze. In tale ultimo caso, qualora cioè nessuna delle proposte faccia al caso tuo, non resta che abbandonare l’idea di assicurare l’autocarro storico, optando per una polizza standard. Non esiste infatti l’obbligo di avere una polizza d’epoca, ma potrai serenamente assicurare il furgone come hai sempre fatto prima che rientrasse nel novero d’epoca o in quello storico.

Limitazioni a parte, ci sono anche dei vantaggi nella stipulazione delle assicurazioni di autocarri storici. Come prima cosa, e come già anticipato, il premio da pagare annualmente è di gran lunga più basso, proprio in vista del cambiamento d’uso sul veicolo.

In secondo luogo tutti i veicoli riconosciuti come storici non hanno l’obbligo di rispettare delle eventuali limitazioni circa la circolazione stradale, il che ne consente l’utilizzo anche nei giorni festivi o di blocco del traffico pesante.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Wise (ex Transferwise), qui leggi la recensione.

Qui invece puoi leggere le nostre opinioni su sicurezza e affidabilità del servizio.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.


FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest