• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Baby business: il giro d'affari in Italia che ruota intorno ai bambini

 

Tra i settori più redditizi dal punto di vista economico oggi c’è quello inerente al mondo ai bambini. Bisogna concepire questo svilippo in un contesto molto più ampio, non solo cioè riguardante l’abbigliamento, i pannolini o i giocattoli, ma anche cinema, TV, videogiochi, cartoleria, parchi ed edicola tanto per citarne alcuni.

 

Stante ad alcune statistiche elaborate tra il 2017 e il 2019, la spesa degli italiani per i minori tra i 3-13 anni ammonta a circa 3,5 miliardi di euro.

Sebbene infatti la natalità nel nostro Paese sia fortemente calata, attualmente la spesa delle famiglie per i propri figli è molto alta. In una stima nel 2018, è emerso soprattutto un aumento del comparto dei videogiochi. Per un totale di 204 milioni di euro, questo è uno dei business più redditizi nel settore “infantile”, seguito da quello dei giocattoli.

 

 

L’importanza dei giocattoli

baby-business-economia-bambini-giro-daffare-bambole

Tra auto per bambini e giocattoli più tradizionali, il mercato kids è da questo punto vera e propria miniera d’oro. Nel corso del 2018 ha totalizzato oltre un miliardo e mezzo, in riferimento a minori di età compresa tra i 3 e i 13 anni.

Secondo quanto prevedono gli esperti e coloro che hanno lavorato a queste statistiche, si tratta di un settore destinato a crescere. Sebbene infatti la crisi abbia coinvolto molti comparti economici, quello dei giocattoli risulta ancora oggi un business florido ed in espansione.

Molte le tipologie di giocattoli sulla cresta dell'onda; con grossa sorpresa degli esperti, le classiche bambole, o quelle che riproducono i personaggi dei cartoni animati. Proprio la vendita delle bambole ha rappresentato il 19,3% delle vendite totali nell’arco di tutto il 2018.

 

Business dei Parchi

Non delude il comparto inerente i parchi divertimento. Al secondo posto nelle stime infatti sono stati annoverati i parchi divertimento, ed i parchi acquatici,  che hanno rappresentato il 12% del giro d’affari, per un totale di 430 milioni di euro. Questo dunque è il motivo per il quale i parchi divertimento crescono numerosi qui e lì per tutto il territorio nazionale. E infatti, attualmente in Italia troviamo oltre 150 parchi tematici (inclusi gli acquari ed altri tipi di strutture).

Per quanto Gardaland resti il preferito indiscusso, anche quelli più piccoli se la giocano bene in termini di attrattive. Dopo Gardaland non possiamo non citgare Mirabilandia e lo spagnolo Parques Reunidos, che nella primavera 2019 ha inaugurato l’area Ducati World.

Dal punto di vista di parchi acquatici, il primato italiano è  di Costa Edutainment a cui fanno capo 12 acquari a partire dall’Acquario di Genova, il più importante d’Italia.

 

 

La TV

Cosa dire invece dell’economia che cresce grazie alla TV per ragazzi, se non che attualmente si contano oltre 18 canali dedicati tra free e pay, terrestri e satellitari. Anzi è proprio grazie a questi ultimi che tendono a crescere gli investimenti pubblicitari delle aziende, ormai sempre più interessate a scommettere sul target bambini e ragazzi. In questo settore il guadagno nel 2018 è stato di circa 124 milioni di euro. Sfiora i 350 milioni di euro il budget dedicato dagli italiani ai «pacchetti kids» delle Pay Tv, ossia Sky e Netflix.

 

I videogiochi

baby-business-economia-bambini-giro-daffare-ps4-videogiochi

Non poteva non esserci nel novero dei comparti il settore dei videogiochi. La statistica ha parlato di un guadagno di oltre 204 milioni di euro. Questo vuol dire che nell’arco di un anno, vi è stata una crescita di circa il 10%. I bambini amano la tecnologia e dei videogame non sanno fare a meno.

Giochi e console sono tra i più venduti nei negozi di tecnologia, e sicuramente si contendono il primato la console Nintendo Switch e Sony Playstation. Vero che questo comparto cresce non solo grazie ai piccoli, ma anche grazie agli adolescenti e a ragazzi over 18, ma è vero anche che ormai i genitori preferiscono intrattenere i piùpiccoli attraverso questi strumenti che l’attenzione la divorano.

Quindi se è vero che il target di giocatori è tra i 16 e i 64 anni, è vero pure che la passione nasce in tenera età, grazie ai genitori che spendono centinaia di euro per regalare ai più piccoli questi congegni.

 

Il cinema

Altro comparto di notevole interesse è il cinema. I diversi film d’animazione o quelli adatti ai ragazzi hanno reso le pellicole un veicolo economico a cui affidarsi. Gli esperti danno anche una spiegazione di questa frequentazione così corposa dei cinema.

Stiamo assistendo ad un allungamento della vita: se fino agli anni 90 si contavano tre nonni (in media) per ogni bambino, oggi se ne contano sei. Piu sono le persone anziane in famiglia e maggiori sono le probabilità che i piccoli vengono affidati alle loro cure: e si sa che i nonni, tra i vari strumenti di intrattenimento che usano, prediligono l’uscita al cinema.

 

 

I libri e la cultura

baby-business-economia-bambini-giro-daffare-libri-harry-potter

Per chi pensava che i bambini non fossero interessati alla cultura, per fortuna non è così. Le nuove generazioni, o almeno buona parte di esse, vantano una buona cultura generale, e ad attestare ciò sono i numeri: c’è stato un aumento del 5,3% nella vendita di libri per ragazzi, complici anche i moderni strumenti informatici come audiolibri ed ebook.

Un esempio? Si pensi alla saga di Harry Potter che da oltre un ventennio incanta intere generazioni. Ecco dunque che il fatturato per la vendita di libri passa da 220 milioni di euro a 232.

Paradossalmente si registra che i bambini leggono più degli adulti. In una fascia d’età compresa fra i 6 e i 17 anni, un ragazzo in media legge almeno un libro all'anno. Di contro, sempre secondo una recente indagine condotta su un panel di 3 mila ragazzi, si stima che oltre il 50% della fascia tra i 5 e i 13 anni fa altrettanto. Al contrario nel resto della popolazione la percentuale scende al 39,5%.

Appare dunque evidente come il baby business continui a crescere anno dopo anno, nonostante si registri oggi un calo demografico nel nostro paese.

A prescindere dove si concentra o meno la spesa delle famiglie italiane, investire in questi settori non può che essere un passo positivo per tutti coloro che hanno deciso di aprire una attività propria. Secondo le previsioni, questa tendenza al rialzo continuerà ancora per un bel pò.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Wise (ex Transferwise), qui leggi la recensione.

Qui invece puoi leggere le nostre opinioni su sicurezza e affidabilità del servizio.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest