• bonifico

    Bonifico

    Bonifico: Informazioni sul bonifico bancario, postale, internazionale, online

Come avviare un centro di medicina estetica

 

Chi è molto attento al benessere del proprio corpo e non sopporta gli inestetismi legati all’aspetto fisico, alla fine tende a rivolgersi ai centri di medicina estetica. Queste cliniche non si occupano di operazioni medico-chirurgiche (come la chirurgia plastica), ma intervengono sul “difetto” attraverso trattamenti di bellezza, non invasivi, che agiscono comunque ad ampio spettro.

 

L’alta frequentazione di queste strutture da parte di donne e uomini di ogni età e generazione, fa sì che un centro di medicina estetica possa essere considerato un buon investimento dal punto di vista imprenditoriale.

Cerchiamo quindi di capire insieme cosa occorre per avviare una simile struttura, che sicuramente in termini di impegno, e di economia, si differenzia da altri tipi di attività.

 

 

La scelta della location

come-aprire-clinica-medicina-estetica

La prima cosa che dobbiamo fare per aprire una clinica estetica è scegliere un locale che sia idoneo ad ospitare un’attività imprenditoriale di questo calibro. Si consiglia di preferire una zona nel centro della città, che sia ben collegata con i mezzi pubblici e che sia dotata di parcheggio per consentire ai clienti di spostarsi con le proprie auto.

Per quel che concerne le dimensioni, ovviamente il centro di medicina estetica deve essere bello ampio. Deve avere una sala d’aspetto confortevole, con tanto di reception. Al contempo in ogni stanza deve esservi spazio sufficiente per posizionare eventuali macchinari o complementi d’arredo utili per esperire i vari trattamenti estetici che si intende offrire. Non devono mancare poi i servizi igienici ed ogni altro spazio utile al personale che lavorerà nella struttura. Parliamo dunque di un locale bello ampio, a cui non deve mancare praticamente nulla.

Ovviamente, nella scelta della location, è bene tenere presente anche dell'eventuale presenza di strutture simili nei paraggi. Questo per evitare di dover poi fronteggiare la concorrenza, che in taluni settori è sempre più agguerrita. Occorre dunque effettuare un'indagine approfondita, per poi lanciarsi solo in un secondo momento a bloccare quello che per noi è il locale migliore.

 

Assumere personale e provvedere al costante aggiornamento formativo

Non stiamo certo parlando di un comune ufficio o un comune negozio. Un centro di medicina estetica richiede attenzione particolare ai dettagli, anche perché si tratta di un’attività strettamente correlata alla salute delle persone. Essendo dunque un lavoro delicato, è importante avvalersi di una equipe di professionisti, che abbiano esperienza, qualifiche e conoscenze tali da poter applicare i trattamenti estetici richiesti dai clienti.

Una clinica estetica deve rimanere in costante aggiornamento anche per quelle che sono le tecniche applicate, proprio per ridurre all’osso l’invasività e il rischio dei trattamenti effettuati. Il team di lavoro deve dunque, oltre ad avere di base dei titoli specifici in ambito sanitario, frequentare corsi di aggiornamento o nuovi corsi formativi, al fine di rimanere al passo coi tempi. In questo modo è possibile garantire ai pazienti servizi eccellenti.

Va da sé che i professionisti operanti nella nostra struttura devono essere anche agevolati nel loro lavoro attraverso macchinari tecnologici e all’avanguardia, nonché attraverso prodotti specifici utili nel caso specifico.

 

 

Quali sono i costi da sostenere?

come-avviare-clinica-medicina-estetica

Come abbiamo avuto già modo di ricordare, parliamo di un’attività molto particolare. In quanto tale, i costi da sostenere e il budget da destinare non può ridursi a pochi spiccioli. Certo, non è possibile stabilire esattamente quale sia la cifra da investire.

Pur conoscendo nei dettagli quali sono le spese da affrontare, la somma finale andrà o meno a lievitare in base alla scelta del locale, alle marche degli apparecchi, al quantitativo di personale e così via.

Sul budget iniziale andrà in primis a pesare l’affitto della struttura, la sua eventuale ristrutturazione, nonché le utenze da pagare secondo le cadenze periodiche previste.

Inoltre andrà ad incidere sul bilancio il pagamento dei vari stipendi. È impensabile dare il via a questo tipo di attività senza assumere dei professionisti del settore, che indubbiamente meritano di essere pagati profumatamente data la loro prestazione all’interno della struttura.

Dopodiché bisogna pensare all’acquisto di macchinari che servono a regolare funzionamento della clinica di medicina estetica. In una struttura del genere servono infatti apparecchiature all’avanguardia, funzionali, sicure, professionali. Servono macchinari sofisticati, prodotti per l’igiene e la sicurezza del cliente che si sottopone a trattamenti estetici.

 

La procedura burocratica

L’apertura di un centro di medicina estetica richiede un'organizzazione molto peculiare e dettagliata. In primis occorre essere in possesso dei titoli necessari per poter lavorare. Oltre ai requisiti professionali che ogni operatore deve possedere, per avviare questo tipo di attività occorre anche seguire il classico iter burocratico. Sì dunque all’apertura della partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate, dunque all’iscrizione presso la Camera di Commercio. E poi ancora bisogna perfezionare le posizioni INPS e INAIL, e comunicare al Comune l’inizio della nuova attività.

Trattandosi poi di una struttura destinata a lavorare con la salute delle persone, il titolare deve potersi vedere riconoscere tutti i requisiti di igiene e sicurezza (oltre all’ottenimento delle varie disposizioni urbanistiche).

Si tratta insomma di una trafila molto lunga e complessa, per la quale sarebbe opportuno affidarsi ad un professionista nel settore, che sia in grado di sbrigare la documentazione burocratica correttamente e senza allungare i tempi.

 

Qualche ultimo consiglio per ottimizzare l’avvio della propria clinica

come-aprire-centro-medicina-estetica-belotero

L’investimento da fare per una clinica di medicina estetica è molto alto. Per cui bisogna curare a tavolino ogni minimo particolare, facendo attenzione a pestare la strada giusta. Onde evitare infatti di vanificare tutti i sacrifici fatti, si consiglia, per raggiungere più rapidamente il successo, di destinare una piccola somma di denaro anche allo sviluppo di una campagna pubblicitaria.

In molti lo ignorano, eppure l’aspetto promozionale è di rilevante importanza, sia che esso sia esperito sul web, sia che sia esperito “alla vecia maniera”. Per questo motivo è fortemente consigliato avviare una campagna pubblicitaria che sappia toccare i tasti giusti al fine di aumentare la visibilità della struttura.

Non meno importante è la messa online di un portale professionale ufficiale della clinica (come ad esempio Centri Medici Belotero), lavoro affidato ad un'agezia seria e qualificata. Il costo potrebbe oscillare tra i 2.000€ fino a oltre 10.000€.

Nel giro del breve tempo il titolare della clinica vedrà crescere il suo volume di affari, anche grazie alla qualità e alla differenziazione dei servizi offerti. La pubblicità mira a mettere in risalto la professionalità della struttura e i trattamenti che essa offre, per regalare una coccola in più ai potenziali clienti.

 

 

Aprire una clinica di medicina estetica in franchising

Dal momento che spesso si ha paura di investire in autonomia, soprattutto se il campo d’azione è sconosciuto, potrebbe essere un’idea quella di aprire una clinica di medicina estetica in franchising. Non sorprende infatti che la maggior parte delle strutture oggi dislocate sul territorio italiano facciano capo ad una azienda madre.

Il brand scelto infatti offre la sua esperienza consolidata, supportando l’eventuale affiliato nella procedura di iniziò attività. L’aspirante imprenditore si troverà accompagnato passo dopo passo verso un’attività che parte già con delle basi molto solide. L’azienda franchising supporta gli affiliati, aiutandoli nella scelta del personale e spiegandolo loro come adempiere agli obblighi burocratici necessari. Al contempo farà del suo meglio affinché il centro risulti a norma e possa dunque ottenere ad occhi chiusi le licenze per poter operate nel settore.

Al contempo l’azienda franchisor non dimentica di formare in maniera opportuna il personale, dandogli tutti gli spunti necessari per porre in essere i trattamenti di medicina estetica senza problemi e senza arrecare danni alle persone. Nel budget investito farà rientrare anche la spesa per le campagne marketing, puntando tutto sull’affidabilità e sulla garanzia offerta dal nome del marchio.

Come risparmiare fino al 90% sulle commissioni del bonifico estero

transferwise-widget-cambio

Cliccando sul banner vai direttamente su Transferwise, qui leggi la recensione.

 

azimo-recensione-guida

Cliccando sul banner vai direttamente su Azimo, qui leggi la recensione.

FacebookTwitterDiggStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinPinterest